Un giorno, mentre un uomo passeggiava nella natura, si trovò improvvisamente di fronte a una tigre. Terrorizzato e senza troppo riflettere, l’uomo scappò a gambe levate, seguito dalla tigre. Arrivato sul bordo di un precipizio, fu costretto a interrompere la folle corsa. Disperato e deciso a scappare dalle grinfie della tigre, prese in mano una liana e si calò giù per il precipizio. Quando guardò giù, si rese conto con terrore che si trattava di una trappola e che in basso lo aspettavano altre tigri, pronte a far di lui un boccone. In alto la prima tigre lo stava ancora fiutando. In basso le altre tigri non aspettavano altro che cadesse. Come se non bastasse, due topolini, uno bianco e uno nero, avevano cominciato a mangiucchiare la liana alla quale si teneva. In quel momento scorse vicino a lui una fragola di bosco cresciuta sul muro del precipizio. Tenendosi con una mano alla liana, colse la fragola con l’altra mano e l’avvicinò alla bocca.

Era deliziosa! Era la miglior fragola che avesse mai mangiato.

Storia inclusa in Meditare