Vai al contenuto

Presente statico, futuro incerto

Scritto da:

Luca Conti

L’incontro di ieri è stato interlocutorio. Nessun cambiamento nel breve termine e possibili aperture per il prossimo futuro. L’incertezza regna sovrana.

Il viaggio è stato comunque utile. Ora ho le idee un po’ più chiare su cosa voglio fare da grande e su cosa non voglio fare. In quest’ottica la mia posizione professionale attuale è da considerarsi in prognosi riservata.

Il 2005 è stato un anno pieno di collaborazioni e di cambiamenti. Nel 2006, ci scommetto, vecchie porte si chiuderanno e nuove se ne apriranno. Ciò che non auspico, nella maniera più assoluta, è la stasi: i primi due mesi dell’anno, professionalmente, sono stati anche troppo barbosi.

Articolo precedente

Gli appuntamenti nell'era del social networking

Articolo successivo

M'èvenuta una voglia pazzesca di...

Partecipa alla discussione

  1. ti capisco, il mio consiglio è di assecondare il cambiamento. sto facendo così anch’io, e da un po’ ho iniziato a vedere la fine del tunnel 😉

Commenti disabilitati.