Vai al contenuto

Il marketing entra nelle conversazioni dei blog

Scritto da:

Luca Conti

E’ bene o male che un’azienda contatti un blogger, che reputa influente all’interno della propria comunità di interessi, per proporgli un prodotto da provare e da recensire in maniera libera?

Il dibattito in rete e fuori dalla rete comincia a prendere tono anche in Italia dopo che un’agenzia di PR evolute sta contattando alcuni blogger europei e italiani per il lancio di un nuovo telefono cellulare.

L’agenzia BuzzParadise mi ha contattato e mi ha proposto di entrare nella loro comunità, alla quale marchi famosi si rivolgono per promuovere il lancio di nuovi prodotti.

E’ una pratica da condannare? Da parte mia non c’è alcun pregiudizio e infatti ho risposto all’invito e sono entrato nella comunità. Di certo c’è che, qualsiasi cosa succeda, la cosa essenziale è mantenere un rapporto di trasparenza assoluta nei confronti del lettore, come sostiene Dan Gilmor a proposito di un caso di cattiva pratica successo negli USA con Procter & Gamble.

Semmai mi proporranno un prodotto, ne parlerà in maniera libera, aperta e trasparente, come del resto ho già fatto con altri, tipo San Lorenzo.

Articolo precedente

Qualcosa si muove contro il digital divide

Articolo successivo

Sarai belo te sul Corriere Adriatico