Vai al contenuto

Non farà mai carriera…

Scritto da:

Luca Conti

C’è chi, amichevolmente, mi sfotte spesso perchémi chiede come io faccia a seguire la politica locale, seguire i miei numerosi blog, personali e non, lavori 36 ore alla settimana e riesca a trovare il tempo pure per coltivare relazioni sociali, dentro e fuori la rete.

La risposta è: per quanto mi sbatta, non riesco a dormire meno di 7-8, altrimenti schiatto.

C’è chi invece èfresca come una rosa ed è in piedi dalle 8 del mattino alle 3 di notte, compresa un’oretta di palestra alle 11 di sera! Vista la posizione, è chiaro che si parla di una super donna: Marissa Mayer, vicepresidete in Google per i prodotti legati alla ricerca.

Con il ritmo descritto dalla sua giornata tipo su Business Week probabilmente non sopravviverei una sola settimana. Dove sta il trucco?

Link: La giornata tipo di Marissa Mayer.

[via Matteo e Luca]

Articolo precedente

Sarai belo te sul Corriere Adriatico

Articolo successivo

Giornata nazionale per la donazione di sangue

Partecipa alla discussione

  1. E’ facile capire perchè una come la sig. Mayer possa resistere ad un ritmo tale quale tu dici, Luca. Il segreto sta tutto in una vocale che nessuno ha notato o pensato di inserire nel suo nome che in verità non è Marissa…bensì, Ma..russa…..Infatti, la signora quando anche è sveglia non lo è in verità, perche si chiama appunto Marussa….e così lei russa mentre gli altri credono che sia sveglia….E’ solo un effetto dovuto ad un antico errore ortografico mai corretto…e siamo arrivati al 2006 con questa variante che è risultata utile a costei che si è presa gioco di tutti, dormendo anche quando a noi appare sveglia…ma ripeto Ma..russa. Mi riferì un suo parente che il nome Marussa le fu dato proprio perchè tutta la famiglia Mayer soffriva di questo disturbo e sai come nascono i soprannomi…si parte da un piccolo difetto e ti affibbiano il nomignolo…e poi il programma word ha combinato il resto e noi ci ritroviamo ad avere una superdonna come dici tu, che non sbadiglia mai perchè in effetti chi russa non sbadiglia, dorme soltanto. E’ clinicamente accertato che se poi i decibel del russamento superano i limiti, allora sì, che il russatore di giorno potrebbe anche sbadigliare perchè il suo sonno non sarebbe abbastanza ristoratore e si sentirebbe stanco tutto il giorno..ma questo è un altro discorso, per il quale dovrei chiederti una parcella per la mia consulenza medica, perchè sai, non so se i liberi professionisti iscritti a qualche ordine ammettono che le loro capacità professionali vengano considerate “Creative common”Ciao

Commenti disabilitati.