Vai al contenuto

La frenesia del giornalista d’agenzia

Scritto da:

Luca Conti

Divertente e stimolante allo stesso tempo essere fianco a fianco con i colleghi giornalisti, quasi tutti delle agenzie. Stanno scrivendo come dannati, vicino a me, i corrispondenti di Reuters, AGI, Radiocor, particolarmente attenti alle dichiarazioni finanziarie di Prodi.

Appena Di Pietro ha fatto sapere di essere disponibile per dire alcune battute sul Consiglio dei Ministri, subito si sono resi disponibili, taccuino e registratore digitale alla mano, per fare qualche domanda e prendere le dichiarazioni del Ministro. A seguire il corrispondente di Radio 24, pronto con registratore digitale e microfono, con alcune domande su Autostrade.

Finito con Di Pietro subito al computer a battere i lanci, interrotti da qualche telefonata dei colleghi nella sede centrale. Un lavoro senza pause nei momenti topici che richiede grande attenzione e lucidità.

Articolo precedente

Problemi logistici all'Incontro dei Valori

Articolo successivo

I miei libri su Repubblica

Partecipa alla discussione

  1. Visto, eh?
    Quello si chiama “a margine”, e si dà il più presto possibile, a braccio.
    Provaci!
    E’ la differenza tra blog e agenzia…

  2. 🙂 Il live blogging di un evento ci si avvicina….ad avere il wi-fi avrei trascritto le dichiarazioni di Prodi in tempo reale.

Commenti disabilitati.