Vai al contenuto

Catania /1 – Il calore che non ti aspetti

Scritto da:

Luca Conti

Non è la prima volta che lo scrivo e non sarà neanche l’ultima. Non è una novità per chi si affaccia su questo spazio ed è una persona attiva sul web sociale, con un blog o attraverso altri mezzi di espressione. La ragnatela della rete offre il meglio di sé,quando alle parole lette sullo schermo e ai nickname hai la possibilità di associare voci e volti.

Questa è l’esperienza che ho avuto modo di ripetere nuovamente nell’ultima settimana a Catania. Invitato al matrimonio di un amico, conosciuto proprio grazie ad Internet, ho pensato di cogliere questa occasione per conoscere meglio la Sicilia. A seguito di questo pensiero si è aggiunta l’opportunità di trascorrere un po’ di tempo assieme a Simone Tornabene, catanese DOC agganciato a Milano nel corso del 2009.


Su queste basi ho pianificato quindi una settimana a Catania, senza particolari aspettative. Grazie proprio a Simone ho potuto non soltanto passare bei momenti, tra mare, buona cucina, buon vivere e un bel concerto di Ludovico Einaudi, ma soprattutto conoscere molti volti della blogosfera catanese. Ti garantisco che l’incontro faccia a faccia aggiunge una nuova dimensione alle conoscenze web, spesso amplificandone l’impatto.

Non sono quindi la granita, la minnuzza (paradisiaca) o le bellezze della costa a rimanermi più impresse in questa trasferta, ma certamente le chiacchiere alle 3 di mattina, mangiando un cornetto, i sorrisi e gli aneddoti raccontati in una serata distesa ad Aci Castello, insieme ad una ospitalità unica, quasi ci conoscessimo da sempre.

Peccato aver interrotto questo incantesimo. Una buona ragione per tornare… anche perchél’Etna attende una visita.

Grazie Catania.

Articolo precedente

Ludovico Einaudi, in arrivo Nightbook

Articolo successivo

Koufonissi, il contagio continua

Partecipa alla discussione

  1. Sono contento di leggere questo post, un po’ anche inorgoglito da questo calore (il tuo) nel descrivere i tuoi giorni in Sicilia… e da catanese rispondo al tuo ringraziamento: non c’è di che 🙂

    1. Sarebbe da organizzare un mini tour dell’isola con appoggio locale blogger, visto che ho già inviti da Palermo e Messina 🙂 Grazie

Commenti disabilitati.