Vai al contenuto

Un blog personale che continuerà ad essere personale

Scritto da:

Luca Conti

Scrivere un blog personale, nel tempo, firmandosi con nome e cognome, non è cosa facile. Me ne rendo conto ogni giorno che passa, acquisendo una consapevolezza che paradossalmente non ho mai avuto in questi anni di blogging.

Chi scrive un blog pubblico personale e non anonimo lo fa ovviamente per condividere con gli altri le proprie opinioni e le proprie esperienze, oltre che per sé stesso. Negarlo significherebbe cadere in una contraddizione in termini.

Un aspetto che ho cominciato a percepire solo nell’ultimo anno è l’attenzione morbosa verso quanto scritto. Una voglia di andare oltre le righe della vita privata condivisa consapevolmente, tra foto, video e testi. Un desiderio di farsi i fatti altrui che travalica ogni limite dettato dal buon senso e dal rispetto della persona, con domande e sussurri scambiati in segrete stanze virtuali.

Il fatto che il sottoscritto abbia una vita pubblica e possa essere famoso per x persone, grazie al sudore speso nella sua attività quotidiana, sembra per alcuni giustificare la voglia di saperne di più e il chiacchierare alle spalle, spettagolando in libertà in spazi protetti, inclusi soggetti considerati fino a ieri amici.

Tutto ciòimpone un cambiamento di rotta. La mia libertà di espressione, pur soggetta a condizionamenti, cercherà di restare immutata. Ciò che cambierà è invece una diversa protezione dei contenuti personali pubblicati in rete. Con gli strumenti che lo permetteranno sarà inoltre più selettivo nell’abilitare l’accesso solo a chi effettivamente lo merita.

Gli amanti del gossip possono continuare a speculare nell’ombra, certi perà che le loro curiosità non verranno soddisfatte in questi luoghi. Se questa è la ragione che li spinge a frequentarli, beh, sappiano che è tempo sprecato.

Articolo precedente

Koufonissi, il contagio continua

Articolo successivo

L'ottovolante di settembre

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.