Vai al contenuto

L’importanza della banda larga

Scritto da:

Luca Conti

Ieri ho rilasciato una intervista al Salvagente e oggi la trovi online. Il tema è la banda larga, sull’onda degli 800 milioni di investimenti rinviati dal Governo a data da destinarsi, purtroppo.

Ne riporto un estratto a seguire.

Intervista per Il Salvagente

La banda larga è davvero una priorità per il futuro dell’Italia? E rispetto agli altri paesi l’Italia quanto è indietro?

È una priorità se vogliamo rimanere agganciati al treno dei servizi evoluti, nello scenario definito della “società dell’informazione”. Il lavoro di domani, ad alto valore aggiunto, sarà possibile inventando nuovi servizi in questo settore.
Per questa ragione gli investimenti in banda larga sono considerati prioritari da Singapore al Regno Unito. L’Italia si trova ad inseguire, ormai tra gli ultimi paesi in Europa, con un divario crescente rispetto ai paesi più avanzati.

Articolo precedente

Chi paga i contenuti online? Gli utenti o la pubblicità?

Articolo successivo

A Pesaro Studi per parlare di Face-book e marketing

Partecipa alla discussione

  1. E io che credevo che la banda larga fosse un gruppo musicale di gente obesa. 🙂
    Scherzi a parte:
    E’scontato che l’installazione della banda larga sia una bella cosa, ma una delle motivazioni che hanno dato alcuni suoi fautori, come Confindustria, è che “aumenta la produttività“.
    E’ anche vero però che se non si sferzano funzionari e impiegati pigri, che non fanno il loro dovere, questi sul lavoro vedranno con più velocità i siti di shopping e continueranno ad oziare.

Commenti disabilitati.