Vai al contenuto

Un trimestre da circoletto rosso

Scritto da:

Luca Conti

Rino Tommasi e Gianni Clerici, commentando in tv i tornei di tennis internazionali, erano soliti usare l’espressione “circoletto rosso” per uno scambio particolarmente importante, tale da meritare un cerchietto rosso così da citarlo nel riassunto dei passaggi più belli della partita. Il primo trimestre 2012 ha avuto diversi circoletti rossi, ragion per cui il blog ha avuto una pausa di oltre un mese: a marzo ho faticato mantenere il ritmo degli impegni, figurarsi raccontarli qui!

Keith Haring at Brooklyn Museum

Tra le esperienze personali più significative tra fine febbraio e marzo, raccontate meglio (anche per immagini) in post dedicati a seguire:

SXSW, anche noto come South by Southwest ad Austin (Texas), dove ho seguito la parte interactive e film, quest’ultima con 12 film in carniere (su 120 circa);

Keith Haring e la sua mostra al Brooklyn Museum;

Highline, il fantastico parco nel centro del centro di New York;

Vienna che non ti aspetti, tra parchi, ristorantini curiosi e Radler a volontà;

Trieste, magnifica anche se da toccata e fuga questa volta;

Il Forum Digital media technology al Sole 24 Ore, giornata intensa ma ricca di spunti;

Le tante giornate di formazione e altre apparizioni pubbliche tra Lazise, Pesaro, Milano, Ascoli Piceno;

Le interviste rilasciate a Vanity Fair, Radio Svizzera Italiana, Corriere della Sera, Tempi;

La guida a Twitter in cinque uscite sul Secolo XIX.

In mezzo cene, incontri, drink, chiacchierate con vecchie e nuove conoscenze.

A volte la vita è così intensa che risulta difficile raccontarla nel momento in cui accade, salvo qualche commento o foto estemporanea su Face-book o Twitter.

Articolo precedente

Toni Servillo, Hanno tutti ragione

Articolo successivo

35 immagini di Keith Haring al Brooklyn Museum