Vai al contenuto

L’ultimo libro

Scritto da:

Luca Conti

In questi giorni si chiude un ciclo personale. Da pochi giorni ho finito una prima revisione del mio nuovo libro su Twitter, in sostituzione di Comunicare con Twitter uscito nel 2010. E’ il settimo libro che scrivo per Hoepli e l’undicesimo di divulgazione, considerando i 4 manualetti scritti per conto di RGB Media nel 2006. Per Hoepli, tra nuovi titoli e aggiornamenti ho scritto più di un libro all’anno, ovvero ci ho dedicato almeno un mese all’anno, se non di più. Lo rifarei volentieri, scrivere porta grandi soddisfazioni sotto numerosi piani, ma è un gran sacrificio di tempo e di energie, soprattutto se fatto d’estate o nel tempo libero (che dovrebbe appunto essere libero e non lavorativo). Beh, ho deciso che questo sarà il mio ultimo libro di divulgazione. Non ho intenzione di scrivere nuovi aggiornamenti né per Fare business con Face-book, la cui terza edizione è del marzo 2012, né per Lavoro e carriera con LinkedIn, uscito meno di un anno fa.

Non escludo di scrivere altro, anzi, ma non più questo genere. Ho voglia di sfide intellettuali nuove, di voltare pagina, di dedicarmi ad altro. Il nuovo lavoro per Simplicissimus certamente ridurrà in ogni caso il tempo per progetti laterali, ma in questo caso non potrei esserne più lieto. Continuerà a curare la collana Web & Marketing 2.0 per Hoepli e forse una nuova collana in fase di studio.

Il bisogno di questo genere di libri resta e lo testimoniano le vendite in libreria e gli apprezzamenti che continuo a ricevere a distanza di tempo. Non mi diverto più perà a scriverli e considero la mia missione di divulgazione esaurita. Su Pandemia lo era già da tempo e sul piano giornalistico si è inaridita per varie ragioni. Lascio volentieri quindi il testimone ad altri.

Nei prossimi due mesi continuerà a sputare sangue su due altri libri, di tutt’altra tematica, scritti su commissione. Un lavoro molto impegnativo, una sfida con me stesso, probabilmente raccolta nel momento sbagliato. Compromessi per sbarcare il lunario, ahime. Da qui a fine anno mi rivedrai in libreria con delle novità, poi una meritata lunga pausa.

Buona lettura!

Articolo precedente

Grazie

Articolo successivo

Viaggio sola, una metafora della (mia) vita