Vai al contenuto

2013, Un anno di grande cinema

Scritto da:

Luca Conti

cinema

Questo anno è stato all’insegna del cinema, più di qualsiasi altra cosa, ad eccezione dei viaggi, di cui parlerà in un altro post. Non credo mi sia mai capitato di vedere 125 film in un anno, di cui 27 al cinema. Come sono riuscito a vedere così tanti film? La ragione è semplice: ho azzerato l’intrattenimento televisivo, fatte salve poche serie tv e ho cominciato la stagione televisiva 2013/2014 senza seguire alcuna serie, vecchia o nuova; ho sottratto anche un po’ di tempo ai libri, con letture in calo rispetto ai massimi dello scorso anno.

Un mio obiettivo, per il 2013 e per il futuro, è di vedere tutti i film nella Top 250 di IMDB. Una lista che rappresenta ciòche piace di più, nella storia del cinema, all’ampia comunità di cinefili navigatori. IMDB è il sito più ricco di informazioni cinematografiche e su questo ho creato una lista con tutti i film visti nel 2013 e nel 2012.

Grazie a questa lista posso dirti che i generi che ho più apprezzato sono stati: drammatico (88), thriller (41) seguiti da commedia e crime (20 ognuno). In tutto i generi visti sono stati 21 diversi. Alle migliori novità dell’anno ho aggiunto classici che non avevo ancora esplorato come Casablanca, Quinto potere, Toro scatenato, Amélie, Alien, Prima dell’alba. Un anno di grande cinema.

Amo il cinema di qualità. Il cinema italiano non è stato molto presente, solo 10 film, ma ho appezzato La grande bellezza e Viva la libertà, non per niente entrambi con Toni Servillo, e due film di Maria Sole Tognazzi, Viaggio sola e L’uomo che ama. Per il resto ha prevalso il cinema americano, tra blockbuster e indipendenti. Non per questo ho disdegnato il cinema dal mondo, con film da: Corea del Sud, Filippine, Australia, Francia, Regno Unito, Brasile,Israele, Svezia, Germania, nelle lingue dei rispettivi paesi, con sottotitoli in inglese.

La sorpresa dell’anno è stata Upstream Color, di cui ho già scritto. Considerando che il film è stato autoprodotto e girato con poche decine di migliaia di dollari, il risultato è più che egregio. Se ami il cinema, non puoi perdertelo, soprattutto oggi che non devi prendere l’aereo e andare in un festival internazionale per vedere un film simile!

Il miglior film è indubbiamente Gravity e spero vivamente vinca tanti altri premi. Un film da vedere rigorosamente al cinema in 3D, perchéper questo è stato concepito. Se vai a leggerti come è stato realizzato il film e prima ancora pensato, ti vengono i capelli dritti. Un progetto senza precedenti e il risultato finale è incredibile. Se pensi che, salvo le facce dei due protagonisti, il 99% del resto è computer grafica, forse puoi immaginare il lavoro che c’è stato dietro.

Menzione speciale per Before Midnight, ultimo film della trilogia iniziata con Before sunrise e Before sunset. Un film delizioso, tutto di dialoghi a ripresa quasi continua, a passeggio e a tavola. Veramente straordinario, soprattutto in lingua originale.

Adoro il cinema e sono andato spesso quest’anno, ma una cosa non mi va proprio giù: il doppiaggio! A casa sono ormai abituato ad apprezzare i film in lingua originale, sia per allenare l’orecchio, sia perchéascoltare la vera voce degli attori non ha prezzo. Il doppiaggio fa venire voglia di non andare al cinema ed è un vero peccato che, fuori dai grandi centri, non ci sia di fatto alternativa.

Nel 2014 non sarà facile eguagliare il risultato di quest’anno, ma la sfida continua. Devo ancora vedere circa un centinaio di film nella top 250 di IMDB e sono in arrivo nuovi film che promettono molto bene, come Her.

Un augurio per un altro grandissimo anno di cinema a tutti!

Articolo precedente

Ultimi tacos

Articolo successivo

2013, Un anno in movimento