Vai al contenuto

I numeri di ottobre

Scritto da:

Luca Conti

Poche ore e il mese di ottobre va in archivio. Avevo deciso che ottobre sarebbe stato il mese della riorganizzazione e così è stato. Tempo di celebrare con qualche numero indicativo del cammino percorso.

33 film (4 al cinema): la striscia positiva continua dall’ultima settimana di settembre (38 film in 37 giorni e 98 dall’inizio dell’anno).
10 libri: avevo deciso di dare spazio ai classici e ne ho letti 4. Questo mese ho superato la sfida di leggere almeno 10 libri al mese (siamo già a 125 per il 2014) e sfioro le 30.000 pagine, anche se alcune sono ascoltate e non lette.
2 serie tv: True detective e Borgen (una stagione e mezza), solo tv di qualità.
7 cene/aperitivi con amici e 1 incontro di lavoro: non sono stato chiuso in casa tutto il tempo.
1 evento: la presentazione di OpenMunicipio, moderata dal sottoscritto.
64 Kg: secondo minimo degli ultimi due anni registrato ieri, da quando ho iniziato la dieta vegetariana. Il minimo risale a metà del 2013, di ritorno dal Brasile, quando pesavo 63,5 Kg.

A questo si aggiunge un decluttering (pulizia apocalittica) che ha visto uscire dalla mia casa, donati o riciclati in qualche modo: almeno 4 camicie, 2 pantaloni, una giacca e un maglione, più di 150 libri e qualche altro oggetto, a cui si aggiunge qualche risma di carta di vario genere.Ho deciso di regalare un portatile a un amico che ne ha bisogno e di donare il computer fisso che non uso più da tempo. La stampante multifunzione è ora nelle mani di mio padre.

Sul fronte digitale ho riordinato l’archivio di documenti, scendendo a meno di 3000 e-book (erano 11800 all’unificazione degli archivi a settembre), meno di 280 film (da vedere) e meno di 100 Gb di musica. Ho consolidato foto e documenti di lavoro, anche se c’è ancora da lavorarci su. Sul disco del mio portatile ho oltre 300 Gb di spazio libero (su 388) e pensare che, non più tardi di giugno, il disco era completamente pieno. Prossimi alla donazione: un disco esterno da 500 Gb, due e-book reader e qualche altro gadget sparso. Devo anche decidere cosa fare di: un iPod shuffle, un Macbook, un lettore mp3 Android Philips.

Novembre sarà un mese ponte, il primo in cui sarà formalmente senza un cliente principale (ultimo giorno in Simplicissimus Book Farm oggi). Ho intenzione di consolidare il consumo di media di qualità (libri, film, tv), di dedicare più tempo alla mia famiglia, di continuare con l’alleggerimento del superfluo e con una dieta equilibrata, tornando a pensare al lavoro.

Articolo precedente

Lasciar andare le carte (e altri oggetti) del passato

Articolo successivo

1628 e-book, 100 libri e 239 film