Vai al contenuto

Archivio:

Marzo 2015

Whatsapp non è buono per le news, lo dice la BBC

Sperimentandolo sulla mia pelle, sono arrivato alla stessa conclusione di BBC News, che lo ha sperimentato prima e ben più di me: Whatsapp, così come è strutturato oggi, non può essere usato per promuovere l’informazione. Aggiungere e togliere contatti a mano alla lista di distribuzione sullo smartphone, non è sostenibile per una organizzazione, rispetto al costo del lavoro richiesto. Ciò non è detto che cambi, se Whatsapp vorrà giocare anche questa partita, chi lo sa?

Certo è che il mio esperimento continua a funzionare bene. Inviare news come valore aggiunto per un numero limitato di relazioni che contano secondo me funziona. A oggi non ho ricevuto alcuna richiesta di cancellazione e ricevo invece feedback di contatti contenti dei link che ho condiviso e spesso il messaggio diventa un pretesto per conversare.

Da calibrare bene il contenuto proposto, la frequenza, il tono e il tipo di rapporto a monte, … Continua a leggere

10 anni dopo è tempo di cambiare

Nel marzo 2005 aprivo questo blog, dirottando su questo dominio tutto quanto di personale, politico, locale, non in linea con la nuova impostazione di Pandemia, concentrato su internet, media e tecnologia. L’occasione venne dalla decisione di spendermi nella politica locale, candidandomi alle elezioni comunali del 2005. Il blog voleva quindi essere uno spazio dove documentare liberamente questa esperienza, senza annoiare i lettori interessati ai post sull’evoluzione del social web.

In 10 anni lo scenario è completamente cambiato ed è tempo di agire in maniera conseguente. Nel 2005 Face-book in Italia non esisteva, Flickr aveva un anno, YouTube stava per nascere, Twitter non esisteva, WordPress era solo un concorrente di Movable Type e TypePad. Niente Tumblr, niente Whatsapp, niente app. Un blog era molto più vicino a un diario personale rispetto a quanto lo sia oggi, usato da aziende, manager, startup, giornali, giornalisti, per informare, per comunicare, per bypassare i … Continua a leggere

Una newsletter su Whatsapp per premiare le relazioni che contano

Sì, hai letto bene, una newsletter su Whatsapp? Mi sono bevuto il cervello? No, non credo. Whatsapp è un sistema di messaggistica istantanea, non è un social network nel senso proprio del termine, ma ha una funzione che si presta abbastanza bene a essere utilizzata come una newsletter, pensata per il canale e per l’ambiente in cui si inserisce. Un passo indietro e ti spiego come funziona e di cosa sto parlando.

Dal blog, ai social media e poi?

In rete si parla da mesi di una nuova tendenza, quella del dark web. Niente di oscuro e pericoloso, tranquillo. Con questo termine si intende il traffico generato su siti (di informazione e non) dalle app e soprattutto dalla messaggistica mobile, attraverso condivisione di link con il passaparola. Il volume diventa interessante, perchéil web sta diventando mobile e le app di messaggistica spopolano, tra Whatsapp e Wechat. Da qui … Continua a leggere