Vai al contenuto

Whatsapp non è buono per le news, lo dice la BBC

Scritto da:

Luca Conti

Sperimentandolo sulla mia pelle, sono arrivato alla stessa conclusione di BBC News, che lo ha sperimentato prima e ben più di me: Whatsapp, così come è strutturato oggi, non può essere usato per promuovere l’informazione. Aggiungere e togliere contatti a mano alla lista di distribuzione sullo smartphone, non è sostenibile per una organizzazione, rispetto al costo del lavoro richiesto. Ciò non è detto che cambi, se Whatsapp vorrà giocare anche questa partita, chi lo sa?

Certo è che il mio esperimento continua a funzionare bene. Inviare news come valore aggiunto per un numero limitato di relazioni che contano secondo me funziona. A oggi non ho ricevuto alcuna richiesta di cancellazione e ricevo invece feedback di contatti contenti dei link che ho condiviso e spesso il messaggio diventa un pretesto per conversare.

Da calibrare bene il contenuto proposto, la frequenza, il tono e il tipo di rapporto a monte, ma secondo me Whatsapp e la modalità broadcast si possono prestare a un uso in ambito PR tutto da scoprire. Mi meraviglio che nessuno lo abbia ancora sperimentato, ma dalla curiosità suscitata dal mio post, penso che manca poco a qualcuno che muova il primo passo.

Se invece vuoi abbonarti alla mia newsletter settimanale per vivere e lavorare meglio con il digitale, iscriviti qui:

Iscriviti a Vivi e lavora meglio col digitale

* indicates required





Articolo precedente

10 anni dopo è tempo di cambiare

Articolo successivo

Giugno, un mese in viaggio, senza notizie

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.