Vai al contenuto

Invecchiare è imparare a perdere

Scritto da:

Luca Conti

Invecchiare è imparare a perdere. Incassare, ogni settimana o quasi, un nuovo deficit, una nuova alterazione, un nuovo danno. Ecco quello che vedo io. E la colonna delle entrate resta vuota. Un giorno, non riuscire più a correre, camminare, chinarsi, abbassarsi, sollevare, tendere, piegare, girarsi, da una parte, poi dall’altra, né in avanti, né all’indietro, non riuscirci più di mattina, più di sera, più e basta. Adeguarsi continuamente. Perdere la memoria, perdere i punti di riferimento, perdere le parole. Perdere l’equilibrio, la vista, la nozione del tempo, perdere il sonno, perdere l’udito, perdere la testa. Perdere ciò che ti è stato dato, ciò che hai guadagnato, ciò che hai meritato, ciò per cui hai combattuto, ciò che pensavi di tenerti per sempre.

Le gratitudini di Delphine de Vigan

Foto credit

Articolo precedente

Smetti di leggere le notizie

Articolo successivo

La mia nuova passione: il personal knowledge management