Vai al contenuto

Gestire le password con Bitwarden

Scritto da:

Luca Conti

Per ragioni etiche e pratiche, una scelta open source è sempre da preferire, soprattutto quando il prodotto non ha nulla da invidiare ai concorrenti con codice proprietario.

Potere dei blog, solo oggi ho scoperto Bitwarden, password manager open source, considerato tra i migliori sul mercato. Gratuito nel piano base, multi piattaforma e facile da usare.

Neanche a dirlo, ho velocemente verificato che fosse vero, l’ho installato e ho esportato le mie password da LastPass e le ho importate in Bitwarden. L’operazione è durata qualche minuto.

Se non hai un password manager, dovresti averne uno, per varie ragioni:

  • puoi generare password più forti e sicure di quelle che usi già, con semplicità
  • puoi renderti conto quando usi la stessa password su più siti
  • puoi sapere quando uno dei siti a cui sei iscritto è stato violato, per cambiare password
  • hai un giudizio complessivo della forza delle password che usi, per rafforzarle se necessario
  • non ti devi ricordare nulla perchéper ogni sistema operativo o browser che usi, Bitwarden ti segue ricordandosi per te le password che usi.

Se ne hai già uno, valuta i pro e i contro di passare a Bitwarden. Dotarsi degli strumenti più sicuri ed efficienti aiuta a lavorare (e vivere) bene.

Articolo precedente

La mia nuova passione: il personal knowledge management

Articolo successivo

L'antica arte dello scrivere a sconosciuti e renderli felici