Vai al contenuto

La mia cassetta degli attrezzi (digitale)

Scritto da:

Luca Conti

Per La Circle oggi pomeriggio modero un evento dedicato ai freelance, per condividere gli attrezzi digitali (servizi web, app, software, hardware) che ci semplificano la vita, professionale e non. L’invito è a scrivere una lista di 10 strumenti e di condividerne in diretta i 5 meno noti. Vado con la mia lista.

Stayfocusd, uBlock Origin e Privacy Badge: la triade della concentrazione sul browser

Tutti navighiamo da desktop per lavorare. Alcune estensioni diventano chiave per concentrarsi. Perché bloccano la pubblicità, ovunque, o perché ci impediscono di navigare su alcuni siti in alcuni orari. I tre servizi che ti suggeriscono raggiungono questi scopi.

Stayfocusd blocca i siti che tu hai deciso di limitare negli orari e nei giorni in cui vuoi concentrarti di più.

uBlock origin filtra la pubblicità mentre navighi

Privacy Badger impedisce alle pagine web di tracciarti e di spiarti, oltre che di profilarti.

stayfocusd.com

https://github.com/gorhill/uBlock

https://www.eff.org/pages/privacy-badger

Readwise: citazioni dai libri da usare

Uno dei pochi servizi per cui pago un abbonamento annuale. Mi permette di importare i brani che sottolineo mentre leggo in digitale (ebook, ma funziona con tanti altre app anche per articoli) così da poterli riutilizzare, come citazione nelle newsletter che curo, sul mio blog, nelle community dove scrivo contenuti che stimolano la crescita personale e non solo. Ogni giorno ricevo 10 citazioni tra le 9000 che ho salvato in 10 anni di lettura e così mi ricordo di libri letti e di contenuti che avevo sottolineato per un motivo.

https://readwise.io/

Calibre: la mia biblioteca digitale

Il bello del digitale è che non occupa spazio, tra le altre cose, e permette di classificare e ordinare con una certa facilità e flessibilità. La mia collezione di libri sta tutta sul mio computer dentro Calibre. Con Calibre converto i libri presi in prestito digitale e li converto nel formato del mio ebook reader.

Il bello poi è che è open source e gratuito. Impagabile.

https://calibre-ebook.com/

Irfanview: visualizzazione immagini e foto ritocco

Un gioiellino che uso da una vita. Un programma di gestione delle immagini e di foto ritocco base. In due combinazioni di tasti posso rimpicciolire, tagliare, aggiungere un segno grafico su una immagine e condividerla online.

Semplice, gratuito, velocissimo nell’aprire le immagini. Per chi, come me, ha bisogno di funzioni base e di rapidità.

https://www.irfanview.com/

Roam Research: appunti e pensiero in rete

Non è gratuito, ma sono soldi ben spesi. A differenza di prodotti come Evernote o Onenote, pensati come silos, Roam Research favorisce la creazione di contenuti che si linkano tra loro e che quindi permettono di creare connessioni tra le note e sviluppare idee più facilmente. Lo uso come journal quotidiano, tracciatore di abitudini, CRM per le relazioni personali, organizzazione dei progetti, creazione di contenuti.

https://roamresearch.com/


Aggiungo qualche altro servizio per me fondamentale.

Bitwarden: il password manager

Senza impazzirei e sarei meno sicuro. Come si fa a vivere senza un password manager? Sì, puoi salvare tutto sul tuo browser, ma così sei vincolato a usare sempre quel browser. Meglio usare un servizio terzo, più sicuro e in questo caso anche open source (garanzia di non manipolazione da terze parti).

https://bitwarden.com/

qBitTorrent

Se non conosci il potere di BitTorrent, o sei molto giovane o sei poco esperto della rete. Di fatto è il protocollo più efficiente per scambiare file in modalità p2p (peer to peer). Questo software (client) è open source e gratuito. Basta andare su un sito che raccoglie i link dei file torrent condivisi da altri utenti (legalmente e illegalmente), cliccare sul simbolo del magnete e il download ha inizio, veloce e sicuro.

https://www.qbittorrent.org/

Iridium browser

Dopo aver usato Mozilla Firefox per anni, sono tornato a Chrome, ma non ho voluto usare e non uso Google Chrome, perché non voglio che Google si faccia oltre modo i fatti miei, registrando tutto ciò che navigo e anche altro. La soluzione, una delle soluzioni, è Iridium browser. Browser basato su Chrome ma che protegge la tua privacy e non registra nulla di ciò che navighi. Se la privacy non ti preoccupa, copia in un commento il tuo nome utente e password del tuo indirizzo di poasta. No? Allora ci tieni.

https://iridiumbrowser.de/

Articolo precedente

-53 Luca Ricci mi ha fatto capitolare

Articolo successivo

-47 Il capitalismo fossile in cui siamo immersi

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.