Vai al contenuto

La mia parola dell’anno è…

Scritto da:

Luca Conti

Ho seguito il consiglio di Nicholas Bate. Ho tirato fuori la stampante e, una volta decisa, ho stampato la mia parola dell’anno – ho ribadito anche il concetto – e ho appeso il foglio sulla parete dietro la mia scrivania, così da avere ben presente il concetto a cui dedicare il massimo della mia attenzione e delle mie energie. Un modo in più per rafforzare il concetto.

Imparare

Imparare a conoscere meglio me stesso

Imparare a gestire meglio le relazioni con gli altri

Imparare a curare meglio il mio benessere psicofisico

Imparare ad accettare la realtà quando è più difficile

Imparare modi diversi di intendere e di vivere la propria vita

Imparare a esprimere al meglio le mie potenzialità

Non si finisce mai di imparare

… e qual è la tua parola dell’anno?

Articolo precedente

Prayers for the stolen

Articolo successivo

Non cadrà più la neve

Unisciti alla discussione

  1. Parola “dura” e impegnativa. Forse anche definitiva.

    Oltre alla riproduzione qual è il senso ultimo della vita? Se non sei Michelangelo o Hemingway cos’altro ti rimane da fare nella vita se non imparare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.