Vai al contenuto

La settimana 5/2022

Scritto da:

Luca Conti

Quinta settimana. Rivedere il film della settimana mi fa ripensare al vero momento diverso dal solito: l’intervista registrata per la Rai e andata in onda lunedì. Mi ha un po’ scombussolato i primi due giorni della settimana, ma ne è valsa la pena. Ho avuto qualche distrazione familiare e qualche giorno con un livello di concentrazione basso, ma sono felice anche di questa settimana. Non sono riuscito a raggiungere gli obiettivi prioritari che mi sono dato, per un semplice motivo: non li ho inseriti in agenda, non gli ho trovato spazio e al termine della settimana non sono riuscito a recuperare (la settimana per questo esercizio termina sabato, come per gli americani). Morale della favola sono indietro nella cura del patrimonio e nell’azzerare la coda che mi porto dallo scorso anno in termini di controllo di bollette e altre attività finanziarie amministrative. Sarà la volta buona questa settimana? Ci provo.

Grande punti di forza di questa settimana sono stati la registrazione della prima puntata del nuovo podcast, l’acquisto di un nuovo computer dopo 10 anni (mi dovrebbe arrivare il 10/2) e la sessione mensile del book club, oltre alla conclusione di Patria, fantastico (audio)libro che ho amato. Sulla formazione non sono andato al passo che avrei voluto e anche per le community ho lavorato molto, lasciando indietro qualcosa.

Vita sociale

Settimana ottima, perché è quella della sessione mensile del gruppo di lettura. Questo mese, parzialmente online e parzialmente in presenza (pizza finale con alcuni). Bella chiacchierata. Domenica sera chiacchiera e film (doppio) con amico a casa e sabato sera con un altro amico e uscita a cena. Lunedì sera al cinema è seguita una chiacchierata sul film, con amici cinefili. Conversazione con Manchester. 4 serate su 7 con appuntamenti sociali: non mi posso lamentare, anzi.

Amici incontrati (online): 12 (4).

La settimana in arrivo vede oggi un caffè con una amica, poi si vedrà. Una o due chiacchiere online con amici lontani nei prossimi giorni.

Vita intellettuale

Sono stato al cinema a vedere l’ultimo di Del Toro, La fiera delle illusioni, prodotto ben curato e piacevole. Mi è anche venuta voglia di leggere il libro da cui è tratto. A casa ho visto altri 6 film, da altri 5 paesi: Los conductos (Colombia) , Why are we creative (Germania), Anne at 13.000 ft (Canada), più Powerful Chief (Perù), Hive (Kosovo), Playgroung (Belgio). Il conto dei paesi sale a 26.

Film visti: 7

Totale da inizio anno: 30

Lettura limitata anche questa settimana. Sono quasi arrivato alla fine di Atti di sottomissione. Mi sono messo a leggere Nightmare Alley e forse avrei dovuto resistere e attendere. Ho fintio l’audiolibro del fantastico Patria. Ho iniziato e quasi finito un altro audiobook di quasi 19 ore, che non mi ha entusiasmato: Il maestro e Margherita. Forse oggi riesco a chiuderlo.

Libri letti: 1

Libri (nuovi) in lettura: 1

Totale da inizio anno: 22

Formazione online: ho finalmente esaurito la lista di video messi da parte su YouTube. Uno di 1h40m su Roam Research, da cui ho tratto un paio di spunti. Un altro sulle competenze da acquisire in maniera prioritaria, che mi ha ispirato un workshop simile da proporre alle mie community. Un terzo, video tutorial su uno strumento che avevo deciso di adottare, è ora in una playlist di materiale senza priorità che ho appena battezzato per non perdere materiale che potrebbe essermi utile ma che oggi è non prioritario: Someday. Di conseguenza la mia lista è finalmente esaurita, con 5 settimane di ritardo sulla tabella di marcia di concluderli entro la fine del 2021. Ora starò molto attento a non accumularne altri. Ho ora tre corsi messi da parte da seguire e uno online, sulle basi di Roam Research, Roam in Context. Vale lo stesso principio della dieta informativa e del minimalismo: usare materiale e contenuti che ho messo da parte e che non ho ancora utilizzato. Prima di cercarne o consumarne altri. Posso, devo, ritagliarmi almeno 20-30 minuti al giorno per la formazione di questo tipo. Urge adottare un sistema, altrimenti l’obiettivo non trova applicazione nel quotidiano. L’esperienza di queste prime settimane mi dice che devo ritagliarmi il tempo necessario la prima mattina, perché poi non riesco e finisce che quel tempo viene eroso da altro. Ho appena inserito in agenda mezz’ora al giorno dalle 8 alle 8,30 per 5 giorni la settimana. Dovrei riuscire a completare almeno uno dei 3 corsi archiviati. Vediamo la prossima settimana com’è andata.

Lezioni/workshop: 2

Avrei bisogno anche di dedicare un tempo minimo giornaliero all’elaborazione dei miei appunti relativi ai libri. Attività intellettuale fondamentale, negletta perché genera disagio, seppur produttivo. Urge una nuova sperimentazione: dedicargli mezz’ora al giorno, sempre di prima mattina. Proviamo dalle 8:30 alle 9:00 per 5 giorni la settimana. Vediamo quanti libri riuscirò a organizzare in questo modo. Tieni conto che ho circa 10.000 passaggi pronti da rielaborare per poco meno di 800 libri, qualcuno con 100 passaggi, altri con 2-3. Lavorare su questo materiale è più utile che andare a sfogliare magazine online e notizie del giorno. Ci vuole forza di volontà e cambio di abitudine. Ce la posso fare.

Obiezione legittima: Luca, non stai ingessando troppo le tue giornate? Niente è scolpito sulla pietra. Vale però il principio che se non decidi come impiegare il tuo tempo, altri lo decidono per te. So che non sarò svizzero sull’applicazione di queste regole, ma le regole servono per aumentare l’autodisciplina e per ridurre l’attrito e le tentazioni di fare altro. Si tratta di sperimentare, con un po’ di indulgenza. Niente di impossibile o inapplicabile.

Salute

Quando la mattina vado a controllare il mio peso e lo trascrivo su un taccuino, mi meraviglio di come i numeri oscillino entro in un certo intervallo, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana. Complice la regolarità, questo è il risultato. Ho acquisito una capacità di autoregolarmi invidiabile, me lo dico da solo. Ho anche uno stato d’animo sufficientemente sereno da non indulgere nel cibo come sfogo. Non avere dolci tentazioni in casa aiuta. Fisicamente mi sento in forma. Mentalmente ho sofferto un po’ la ripetitività delle giornate, quasi sempre uguali, ma non ho grande margine di cambiamento, quindi si tratta di accettare ciò che non puoi cambiare. In ogni casi le mie abitudini contribuiscono al mio benessere, quindi da questo punto di vista è una routine in larga parte buona.

Lavoro

Tornare a scrivere quotidianamente su Pandemia mi ha permesso di riattivare un contatto che ha generato l’intervista in TV. Zero ricadute immediate sul business, ma ottimo ritorno reputazione e ricarica per la mia autostima. Ho inviato due newsletter per due clienti. Ho seguito le mie community programmando nuovi workshop (2 in 4 date), con le due sessioni settimanali di coworking. Non ho prodotto tutti i contenuti che avrei voluto, ma devo essere indulgente. Ho chiuso la newsletter di Equilibrio digitale e ho trasferito alcuni post, cosa che dovevo fare almeno da un paio di mesi. Ottimo risultato quindi.

Side job poco attivo questa settimana, in linea con le prime settimane dell’anno.

Questa settimana è previsto il cambio di gestore per la linea fissa, domani. Speriamo che non ci siano intoppi e che le prestazioni migliorino. Il nuovo assetto di nuovo computer e linea più veloce dovrebbero migliorare la mia efficienza e la qualità del mio lavoro. Ci conto.

Finanza personale & Ricavi

Prima settimana in cui, complice la spesa per il nuovo computer, ho attinto ai risparmi, ma ci sta: il risparmio serve proprio all’investimento e il nuovo computer è assolutamente necessario.

Non ho trovato il tempo per l’ETF su cui iniziare a investire un po’ di liquidità. Come per altre attività, ho capito che devo insistere alcune settimane prima di vincere la resistenza interna, quindi persevero e vediamo che succede. Mi metto anche un appunto sul calendar per rafforzare la motivazione.


Obiettivi della settimana 5/22: ho trasferito alcuni post da Equilibrio digitale a Saper imparare e questo lo prendo come parziale successo del secondo obiettivo. Gli altri due non li ho raggiunti.

3 obiettivi per la settimana 6/22:

  1. Dedicare almeno un’ora a valutare 2 ETF su cui investire
  2. Scrivere almeno un post sul sito pubblico di Saper Imparare
  3. Scrivere la prima newsletter di Imparare in pubblico dell’anno

Questa settimana inserisco in un paio di momenti queste priorità e sono convinto di riuscire nell’impresa.

Articolo precedente

Empatia, minoranze e noia

Articolo successivo

Cambio gestore fibra: da TIM a Fastweb

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.