Vai al contenuto

Archivio:

Giugno 2022

Grecia 2022: Day 6-10 Serifos e Sifnos

Il viaggio in Grecia prosegue con le sue tappe. In questo momento sono a Sifnos e tra un paio d’ore ho il traghetto per Milos.

Questo è un segnaposto, che aggiornerò nelle prossime ore o nei prossimi giorni. Tra poco devo fare il check out e non ho tempo di associare foto e commenti.

In agenzia, per stampare il biglietto per questo traghetto, ho visto uno schermo con il sito che permette di tracciare tutti i traghetti in tutto il mondo, in tempo reale, per sapere dove si trovano, dove sono diretti, se hanno ritardo, ecc. Lo trovo notevole! Se vuoi seguire il mio prossimo traghetto, questo è il link:

https://www.myshiptracking.com/?mmsi=239627000

Day 6 Serifos

Ultimo giorno a Serifos, nuvoloso e ventoso. Mattina riposo. Pomeriggio spiaggia.

Day 7 Serifos Sifnos

Giornata di cambio, ventosa. Navigazione in meno di un’ora ed eccomi a destinazione. Stanza ottima, vicino al porto e in uno … Continua a leggere

Grecia 2022 – Day 1-5: Atene e Serifos

Il viaggio in Grecia è iniziato. Era dal 2014 che non venivo e sono anni che mi ripromettevo, invano, di passare giugno sulle isole greche. Quest’anno mi sono deciso, finalmente, e non posso essere più felice della scelta, almeno per questa prima parte del viaggio.

Day 1 – Atene

Sveglia presto, treno per Bologna, in ritardo, tempi stretti. Monorail verso l’aeroporto e arrivo al gate con tutto il tempo necessario per attendere e partire con un lieve ritardo. Volo tranquillo, prendo la metro verso il centro ma mi faccio traviare dalle mappe di Google e scendo dal treno che mi avrebbe portato a destinazione. Attendo un secondo treno per molto tempo e poi scendo dopo due fermate nel dubbio di essere sulla rotta sbagliata: ero su quella giusta, anche se diversa dalla prima, visto che i trasporti locali su Atene hanno subito degli aggiornamenti e la mappa che usavo era … Continua a leggere

Il momento per viaggiare è… adesso

Niente di nuovo. Il Financial Times è un gran giornale. In viaggio finisco spesso per trovare articoli che mi stimolano ulteriormente a viaggiare. Sarà l’assenza di routine, il cambio di scenario, l’assenza degli impegni quotidiani, l’avere ancora più tempo per me: non so quale sia la causa. Il risultato è che finisco per trovare e leggere articoli come quello che segue.

Se hai accesso al sito del FT – aggirare il paywall è abbastanza facile – il link è questo:

https://www.ft.com/content/996525cc-baf7-440e-b17d-47f563548574

L’articolo prende spunto da un libro fotografico che racconta un giro del mondo in 77 treni e 77 giorni svolto nel 2019. Viaggiare nel 2019 non è come viaggiare nel 2022 e probabilmente non lo sarà ancora per molto a lungo. Nel 2019 non dovevi preoccuparti delle restrizioni alle frontiere per via della pandemia, non c’erano i problemi di oggi con la mancanza di persone nel sistema globale del … Continua a leggere

Partire è un po’ morire

Mi trovo nuovamente alla vigilia di un lungo viaggio (7 giorni), il terzo nell’arco di poco più di un mese. Sto riprendendo l’abitudine e la pratica a preparare il bagaglio (sono tornato ad arrotolare le magliette per farcene stare di più!). Controllare i biglietti, gli orari di treni/aerei, tutto diventa più fluido e più rilassato. No, non ho ancora finito di fare tutto ciò che dovrei prima di partire – pagato le tasse di metà giugno, rinnovato le polizze RCAuto di famiglia in scadenza – ma porto con me il computer e avrò modo di svolgere qualche piccola attività semi lavorativa anche in viaggio.

Una pratica che è tornata essere un rituale, soprattutto con brevi intervalli di tempo tra un viaggio e l’altro, è la programmazione degli acquisti alimentari e l’evitare qualsiasi spreco, riducendo anche le scorte nella dispensa. Domani, quando chiuderò casa, spegnerò anche la corrente elettrica e … Continua a leggere

I libri del mese – Maggio 2022

Ho perso la voglia di ascoltare audiolibri. L’essere in viaggio, 21 giorni su 31, mi ha fatto anche perdere il ritmo nel tracciamento. Mi dispiace perché tracciare è sempre utile come esercizio di autoriflessione.

Il libro di Andreas Malm scritto durante il lock down è stata una delusione. Sottomissione volontaria mi ha portata via lunghissimo tempo perché non mi ha appassionato, ma l’ho finito. Diva Sophia, arrivato al 75%, l’ho mollato per mancanza di interesse, nonostante adori Herman Koch. The Ardent Swarm è stata la sorpresa del mese, scoperto per caso, sulla Tunisia, da cui sono da poco tornato. Scintille, abbandonato, era per un book club tra i più mosci degli ultimi anni. Amen.

#TitoloAutoreFormatoVoto
1Clima, Corona, CapitalismoAndreas Malmebook4
2Sottomissione volontariaLena Anderssonebook6
3Diva SophiaHerman KochebookDNF
4The Ardent SwarmYamen Manaiebook8
5
Continua a leggere