Vai al contenuto

La settimana 27/2022

Scritto da:

Luca Conti

Che settimana anche questa! L’estate continua all’insegna della socialità. Poco tempo passato con i miei amici storici, se non per i pochissimi che ci tengono veramente, e largo a nuove relazioni e nuove conoscenze. Era e resta il mio obiettivo per questa estate: espandere la mia rete di relazioni. Le condizioni meteo climatiche sono cambiate a metà settimana, rendendo finalmente l’aria respirabile e le notti più fresche, con un deciso miglioramento del livello di energia generale. La produttività ha oscillato tra alti altissimi e bassi bassissimi, complice il cambio delle condizioni meteo e altri fattori relazionali. Mare e sole quanto basta, ho scritto anche se avrei potuto far di meglio e ho preso il tempo per me quando ne avevo bisogno. So di essere fortunato, di poter andare al mare quando voglio, fosse anche un martedì mattina in cui non ho voglia di fare altro: chi se lo può permettere oggi, nello stato attuale dell’economia? Sono un privilegiato e ne sono consapevole. Ho finalmente terminato un thriller che mi trascinavo dalla Grecia. Niente film, anche se avrei voluto vedere l’ultimo Top Gun Maverick, ma l’interesse ad andare a letto presto ha prevalso. Il mio peso sta lentamente tornando verso il peso forma. Sono pronto per organizzare i viaggi dell’autunno. Un pomeriggio mi sono perfino dedicato a pulizie straordinarie della casa! Anche quando l’umore è altalenante riesco a convogliare le poche energie in modo utile. Niente non è.

Vita sociale

Da questa settimana voglio smettere di contare quanti amici ho incontrato questa settimana. Tornerò a notarlo e a riportarlo se dovessimo scendere a numeri insufficienti. Traccio la vita sociale perché le relazioni personali sono uno dei parametri che influenza il benessere psicofisico, oltre che la longevità e la realizzazione di sé. Per certi versi investire e far rendere il capitale sociale diventa quasi importante (o più importante) del capitale finanziario.

Settimana con una nuova esperienza sabato sera. Ho conosciuto più di un paio di nuove persone, anche questa settimana. Mi stupisco della frequenza con cui sta succedendo. Forse è segno che, dopo due anni di pandemia, molte persone sentano la necessità, come me, di allargare la propria cerchia di conoscenze e amicizie? Per ora sono soddisfatto degli scambi avuti. C’è sempre da imparare nel confronto, anche di mondi apparentemente lontani. Le app che favoriscono gli incontri, da questo punto di vista, sono una manna, anche se poi va fatta la tara rispetto all’uso compulsivo e alla dipendenza che possono generare in chi le usa.

Vita intellettuale

Niente film, come anticipavo. Di giorno mi sembra di sprecare tempo da vivere all’aria aperta o in cui lavorare, tanto che ho visto soltanto un episodio di Westworld 4. La sera ho avuto impegni sociali o sono andato a letto presto, recuperando il sonno perso per gli impegni sociali. Quindi niente film. Anche stasera nulla, visto che sono già le 20:53 e intendo andare a dormire presto anche stasera.

Libri. Ho finito Il gioco della distruzione di Christopher Bollen, al suo terzo libro. Come successo per gli altri due, li comincio con entusiasmo, poi l’entusiasmo si smorza per la lunghezza non sempre ad alto ritmo, per finire in un crescendo di soddisfazione. Leggere di un libro ambientato in un’isola greca (Paros nello specifico) mentre ero su un’isola greca mi ha divertito in quel momento, ma tornato a casa l’interesse è sceso e non so se te lo consiglierei. Ho iniziato Lupa nera, secondo capitolo di una trilogia thriller spagnola di successo. Diverte con brio. Ottimo libro da ombrellone. È appena uscito poi il terzo e ultimo capitolo, Re bianco, e qualcosa mi dice che li leggerò uno di seguito all’altro. Ho assaggiato qualche altro titolo, ma niente da attrarmi inesorabilmente. Anche questa estate ho meno voglia di leggere, complice l’uso intenso dello smartphone per gestire nuove e vecchie relazioni personali.

Salute

La stanchezza determinata da alte temperature notturne è sparita quando ho cominciato a dormire bene con il cambiamento generale del meteo a metà settimana. La sera prima sono crollato per dormire 9 ore! Il sonno non si recupera e me ne rendo conto ogni giorno in cui non dormo abbastanza.

Riduzione delle porzioni e aumento della quantità di frutta e verdura. Risultato sono sceso sotto 67 Kg e a 5 di grasso viscerale, dopo che due settimane fa, al ritorno dalla Grecia, avevo superato 69 Kg e 6. Potrei riprendere un po’ di tono con un po’ di esercizio, ma la stagione non induce al mantenere la routine solita, anche se per un giorno ho meditato e fatto qualche posizione yoga. Guarda caso dopo aver dormito 9 ore.

Sono andato un po’ in bici e ho camminato, ma non è la stessa cosa dei 7 minuti HIIT al giorno, cosa che devo riprendere al più presto, almeno finché non torna l’anticiclone africano, che incombe in arrivo previsto tra una settimana. Devo approfittare della tregua, finché posso.

Lavoro

Ho avuto poca testa sul lavoro, anche se qualcosa ho combinato, soprattutto i primi giorni della settimana in cui ho pubblicato molto. Mi devo impegnare di più. Questa settimana, con l’aria più fresca, conto di recuperare un po’ e alzare la media.

Side job in rialzo, non come l’anno scorso, ma va bene così perché questa estate voglio perseguire un maggior equilibrio tra relazioni sociali (l’anno scorso trascurate), vita intellettuale (azzerata l’anno scorso) e lavoro.

Finanza personale & Ricavi

La situazione finanziaria rimane stabile e positiva. Non ho altro da rilevare.


Che differenza fa l’anticiclone delle Azzorre rispetto all’anticiclone africano. Sembrano due estati completamente diverse. Peccato che per agosto si prevedono temperature di 3 gradi superiore alla media. Mi godo il momento, consapevole che non durerà a lungo.

Articolo precedente

Primo su Google, 16 anni fa

Articolo successivo

La settimana 28/2022

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.