Vai al contenuto

Archivio:

2019

La scoperta dell’anno: yoga!

Il 2019 è stato un altro anno straordinario, per gli alti e per i bassi. Nel bene e nel male. Se non ci fosse il male, non ci sarebbe neanche il bene: banale, ma è la verità. Lo yoga è stata la più bella scoperta che abbia fatto nel 2019. Positiva per vari motivi. Mi ha permesso di riconnettere mente e corpo, più di prima, tornando a investire tempo ed energie su respirazione e meditazione. Dal punto di vista fisico lo yoga mi sta permettendo di riattivare muscoli e giunture arrugginiti. Mi sento meglio fisicamente e mentalmente sono più in pace con me stesso e con gli altri. A San Francisco ho seguito delle lezioni in una palestra e di ritorno in Italia ho trovato un centro yoga locale, con un gruppo di ottime persone con cui praticare insieme.

Continua a leggere

Scendere dalla ruota del criceto o del black friday dell’anima

L’inizio del 2019 coincide con un periodo di cambiamento e di trasformazione iniziato alla fine dello scorso anno. In realtà è in corso da più tempo, seppur frenato dall’inerzia di alcune rendite di posizione, ma alla fine del 2018 ho preso maggiore consapevolezza dell’urgenza di questo cambiamento professionale e ho cominciato a scriverne in pubblico, seppur in un ambiente intimo che percepisco più protetto delle pagine di questo blog (almeno per ora), ovvero la mia lettera (o newsletter, se la vuoi chiamare così).

Oggi di fatto comincia il mio anno professionale, dopo un periodo di pausa coinciso con le feste di fine anno, dedicato alla lettura, al riposo, al cinema e agli amici, oltre che alla famiglia, almeno in parte. Un nuovo inizio che voglio documentare anche qua, perchémagari è utile a qualcuno che sta vivendo un periodo simile e perchépuò essere utile anche a me, per raccogliere le idee … Continua a leggere

Un piano (di consumo media) per il 2019

Sì, mi piace pianificare. Mi piace organizzare il mio tempo. Mi piace anche usarlo al meglio, per ampliare la mia visione del mondo e stare in salute, fisicamente e mentalmente. Una dieta mediatica sana è l’equivalente di un regime alimentare sano: equilibrato, pluralista, nutriente, stimolante, energetico. Per il 2019 ho deciso di aggiungere un ulteriore esperimento: selezionare ancora meglio il consumo e ridurre il tempo dedicato alla scelta.

Libri

Il 2018 si chiude con 108 libri letti e un paio in lettura. Ho raggiunto l’obiettivo di leggere più narrativa (più della metà dei libri letti) e ho mancato quello di leggere tanti libri scritti da donne, quanti da uomini. Ho letto 31 libri scritti da donne e ne ho due in lettura: troppo poco, ma meglio dell’anno precedente. Per il 2019 voglio fare meglio, con i seguenti obiettivi:

  • Parità tra autori maschi e bianchi e altri autori appartenenti
Continua a leggere