Vai al contenuto

Archivio:

blog

Scrivere un libro è sempre un buon esercizio

In questi giorni sto completando un nuovo libro, il terzo da inizio anno. Questo titolo, scritto insieme a Francesco Vernelli, ha come titolo “Blog di successo for dummies” e va ad affiancare “Face-book marketing con dummies”, quali primi titoli di web marketing della nota collana, edita in Italia da Hoepli.

Scrivere un libro è un impegno notevole e insieme l’occasione migliore, insieme a un cliente stimolante, per mantenersi aggiornati, esplorare, scoprire cose nuove. Con questa avventura ho rispolverato vecchi contatti e sono andato a vedere vecchi e nuovi blog, per trarre nuova ispirazione e distillare consigli per i miei lettori. Un esercizio per niente facile, ma fondamentale per chi si occupa di digitale e non finire bollito senza rendersene neanche conto.

Si scrive nel ponte del 25 aprile, anche di domenica, come un qualsiasi giorno lavorativo. La vita del freelance è questo: lavori quando tutti (o … Continua a leggere

L’arte a New York e la promozione online

Dopo un mese circa dall’ultima lettera, eccomi di nuovo qua a scriverti da New York. Sono arrivato ieri sera, ora locale, nel mezzo di un bufera di vento e temperature largamente sotto zero. Starà  questa latitudine per circa tre settimane, prima di tornare in Italia, in tempo per Pasqua.

New York d’inverno è una metà perfetta per la cultura da museo. Nei prossimi giorni intendo visitare tutti i più importanti musei e qualcuno dove non sono ancora stato. Dal MOMA al MET, passando per il nuovo Whitney e la Neu Galerie, le occasioni non mancano. Il bello di viaggiare è che ti puoi prendere il lusso di vedere come gli altri comunicano la cultura con il digitale, cosa che si potrebbe fare anche da casa, se non fossimo tutto distratti da altro.

Cercando orari, valutando il costo dei biglietti, scoprendo che tutti i musei hanno almeno un … Continua a leggere

Starbene, tra app e tecnologia da indossare

Una collaborazione di cui vado fiero, avviata l’anno scorso e che continua quest’anno, è quella con Starbene. Il settimanale Mondadori, diretto da Annalisa Monfreda, si avvale di un mio doppio contributo. Il primo è sulla carta, con una rubrica bisettimanale su app e salute e il secondo è un blog dedicato alla salute e la tecnologia, con una forte attenzione al mondo dei dispositivi da indossare (wearable).

Sotto vedi un esempio della rubrica sulla carta, con tre app selezionate tra quelle pensate per aiutare il fumatore a smettere. Per leggere il blog invece devi solo cliccare su Salute Hi tech.

 

Continua a leggere

Nuova collaborazione con Genesys Italia

Da qualche giorno è online il mio primo contributo da ospite sul blog di Genesys Italia, azienda attiva nel settore del software pensato per permettere alle aziende di gestire in maniera più efficiente l’assistenza e il servizio clienti, su tutti i canali disponibili, dal telefono al  sito web, dai social network alle app.

Se, da consumatore, il tema ti interessa, ti consiglio di seguire il blog perchéè ricco di spunti interessanti, al di là del mio singolo contributo esterno.

 

Il cliente digitale è un cliente omnicanaleContinua a leggere

10 anni dopo è tempo di cambiare

Nel marzo 2005 aprivo questo blog, dirottando su questo dominio tutto quanto di personale, politico, locale, non in linea con la nuova impostazione di Pandemia, concentrato su internet, media e tecnologia. L’occasione venne dalla decisione di spendermi nella politica locale, candidandomi alle elezioni comunali del 2005. Il blog voleva quindi essere uno spazio dove documentare liberamente questa esperienza, senza annoiare i lettori interessati ai post sull’evoluzione del social web.

In 10 anni lo scenario è completamente cambiato ed è tempo di agire in maniera conseguente. Nel 2005 Face-book in Italia non esisteva, Flickr aveva un anno, YouTube stava per nascere, Twitter non esisteva, WordPress era solo un concorrente di Movable Type e TypePad. Niente Tumblr, niente Whatsapp, niente app. Un blog era molto più vicino a un diario personale rispetto a quanto lo sia oggi, usato da aziende, manager, startup, giornali, giornalisti, per informare, per comunicare, per bypassare i … Continua a leggere