Vai al contenuto

Archivio:

BYUNG-CHUL HAN

Siamo troppo vivi per morire e troppo morti per vivere

La preoccupazione per la buona vita va contrapposta alla lotta per la sopravvivenza. La società dominata dall’isteria della sopravvivenza è una società di non morti. Siamo troppo vivi per morire e troppo morti per vivere. Nella preoccupazione esclusivamente rivolta alla sopravvivenza noi siamo uguali al virus, questa creatura non morta che si limita a moltiplicarsi, quindi a sopravvivere, senza vivere.

La società senza dolore di Byung-Chul Han

Ci aspetta un altro mese in cui non sarà possibile uscire dal proprio comune, se non per motivi di lavoro/salute/necessità. I contatti sociali tornano a essere fortemente ridotti e restano chiusi tutti i luoghi di aggregazione e socializzazione. C’è un motivo più che valido per accettare tutto ciò: ospedali e terapie intensive oltre le soglie di allarme. Punto, non c’è nulla da discutere.

Reel on sailboat with sails sailing on water with horizon in the background
Credit: Jonathan Smith

Detto questo però, dobbiamo continuare a vivere. Vivere significa pensare al nostro futuro, pensare a diventare … Continua a leggere