Vai al contenuto

Archivio:

equilibrio digitale

Riavvio di Equilibrio digitale

sfida

🎬 Si riparte! Ieri ho pubblicato il manifesto di Equilibrio digitale, dove ho raccontato quali contenuti ho pensato e per quale pubblico (lavoratori digitali, genitori e figli, cittadini digitali consapevoli). Una mission e una promessa al tempo stesso.

Il tema dell’uso consapevole della tecnologia verrà declinato approfondendo media diversi. Grande spazio alle uscite librarie, con recensioni ai libri più interessanti. Alcune grandi aziende sono messe in discussione ogni giorno, per le conseguenze della loro gestione: cercherò di tenere traccia di questo dibattito e di segnalare articoli, approfondimenti e ricerche scientifiche che possono renderci migliori cittadini digitali.

L’idea è poi di promuovere formati diversi, tra libri, articoli, servizi web, app, video, podcast, articoli tratti da riviste scientifiche. Una sfida non da poco, perché non sono più abituato a scrivere con un certo ritmo, ma è una sfida che voglia darmi e che voglio vincere. Dicembre vuole essere … Continua a leggere

Otto anni fa, uno dei primi allarmi

Curioso come WordPress mi segnali che oggi, otto anni fa, scrivevo un post rispetto all’uso di F. e T., annunciando che sarei andato verso un percorso di riduzione. Otto anni dopo, non uso né l’uno né l’altro. Il primo è disattivato con tutti i post cancellati. Il secondo è attivo, ma con anni di contenuti cancellati e un ultimo messaggio che segnala come mi sia preso una pausa a tempo indeterminato.

Le reazioni dei tuoi amici ai contenuti che pubblichi danno dipendenza. Il meccanismo, studiato scientificamente, funziona in maniera tale che più pubblichi contenuti e commenti, più torni a vedere se qualcuno ha apprezzato o ha commentato, perchétali reazioni provocano piacere a livello chimico nel nostro corpo. Una soddisfazione data dall’avere attenzione. Un ciclo che ho bisogno di invertire, riportando più equilibrio.

Triste, più che curioso, che pochi siano gli amici e i conoscenti che mi hanno seguito in … Continua a leggere

Vivere senza smartphone – Day 12

Sono già passati 12 giorni dal momento in cui lo schermo del mio smartphone ha smesso di funzionare. Ho avuto fino a ora un problema che non sono riuscito a risolvere: le misure di sicurezza della mia banca online che prevedono l’invio di una notifica di sicurezza sull’app della banca per diverse operazioni, incluso il download dell’estratto conto, che non posso fare per telefono. Ho reagito in modo piuttosto zen, anche se l’operatività con il vecchio sistema di SMS PIn non è stata ancora ripristinata.

Riesco ancora a tenere i contatti via web con gli amici che usano WhatsApp e quando ho voglia di condividere privatamente qualche foto, la scatto con la reflex e la carico online inserendo la scheda di memoria SD dal portatile. Foto più belle e disagio ultra limitato. … Continua a leggere

La tecnologia ci libera o ci rende dipendenti?

Qualche settimana fa Donna Moderna mi ha chiesto un contributo sul tema dell’equilibrio digitale. Lo ripropongo a seguire. Come complemento, ti consiglio l’ascolto del podcast Equilibrio digitale, in quattro puntate, con la mia viva voce. Buona lettura e buon ascolto.

tecnologia

Suona la sveglia e comincia la giornata. Il 57% degli Italiani dotati di smartphone inizia controllando email, WhatsApp e le ultime notizie, senza neanche scendere dal letto. Da questo momento il cellulare ci accompagnerà ovunque: in bagno, a tavola, al lavoro e di nuovo prima di addormentarci. Lo controlliamo fino a 200 volte nell’arco della giornata, con gli occhi sul piccolo schermo per una media di due ore e quattro minuti. In molte occasioni ci semplifica la vita: la mappa per trovare il luogo dell’appuntamento, la definizione su Wikipedia o la foto che ci arriva da un amico dall’altra parte del mondo. In altre compromette le relazioni e Continua a leggere