Vai al contenuto

Archivio:

giornalismo

Quattro Gennaio

15 anni fa

Mi compiacevo che una mia ricerca fosse citata sul Sole 24 Ore.

14 anni fa

Segnalavo la presenza della mia città, Senigallia, su Raitre e sul New York Times.


Se c’è una singola cosa che è cambiata rispetto ad allora è il tempo che dedico alla navigazione e alla lettura di blog post, articoli, notizie. Oggi leggo molta molta meno informazione spicciola. Ci sono arrivato per gradi, ma ci sono arrivato. Quel tempo risparmiato va in meditazione, yoga, esercizio fisico, cucina, cinema. C’era un tempo che il mio desiderio di scoperta attraverso Internet era quasi tutto per me. Solo col tempo ho capito che sapere tutto dei trend su internet e conoscere tutto quanto succede nel mondo, minuto per minuto, non serve assolutamente a nulla, se non a dare lavoro a una pletora di giornalisti e a sostenere aziende media che potrebbe anche non esistere.… Continua a leggere

Tre Gennaio

14 anni fa

Scrivevo entusiasta della mia partecipazione al festival del giornalismo a Perugia. bei tempi, andati. Il mondo del giornalismo non mi stimola più ormai da tempo. Anche per l’avanguardia digitale del sistema è ormai entrata a far parte del sistema, inglobata per lo più. La tecnologia è cambiata ma i mali del giornalismo nostrano sono rimasti.

8 anni fa

Pianificavo viaggi, nel mio ruolo di responsabile dello sviluppo internazionale di quella startup che oggi è Streetlib.

Nel post pubblicavo una foto scattata a Rio de Janeiro un anno prima. Mi rendo conto che proprio in questi giorni conoscevo un nuovo amico brasiliano e da allora è passata un’eternità di tempo. Ho colto subito l’occasione, qualche minuto fa, di mandargli un saluto. Quanto mi piacerebbe tornare in Brasile!


“Crediamo di avere ancora la possibilità di scegliere, di poter contrapporre attività diverse per bilanciare le emissioni. Per esempio, diventare vegani

Continua a leggere

Serial, il re dei podcast

Se te lo sei perso, hai una settimana di tempo per rimetterti alla pari con Serial. Si tratta di un podcast settimanale in cui una bravissima giornalista cerca di capire se un ragazzo condannato per aver ucciso la sua ex ragazza 15 anni fa, abbia avuto o meno un giusto processo.

Ogni settimana viene pubblicata una nuova puntata dell’inchiesta, con le ultime tre puntate previste per i prossimi tre giovedì. Clicca sul player sopra per avere un assaggio o scarica la puntata dal sito ufficiale.

Il podcast vanta un milione di download la settimana!

Mi raccomando: comincia dalla prima puntata! Non te ne pentirai.

SerialContinua a leggere

Andrea Postiglione, il giornalismo che non ti aspetti

Come funzionano i media italiani ormai lo abbiamo capito abbastanza bene. Sono rari i casi in cui nuovi talenti possono farsi largo, soprattutto nelle redazioni più prestigiose e ingessate, dove l’età media è elevata e le possibilità di carriera tutto sommato limitate.

Ai giornalisti del Master in Giornalismo Partecipativo, a cui ho avuto il piacere di fare lezione tra mazro ed aprile, ho sottolineato come il web apra grandi prospettive per il giornalismo del futuro, a patto di darsi da fare, rimboccarsi le maniche, conoscere bene almeno l’inglese e imparare tutti i giorni, creandosi le opportunità, preparandosi a prendere il treno che può passare da un momento all’altro.

Andrea Postiglione è un giovane giornalista napoletano freelance che esemplifica, a mio avviso, proprio tutto ciò. Andrea non è stato con le mani in mano, ma si èfatto notare per le proprie qualità, mettendosi in gioco. E’ così che si è preso … Continua a leggere

Le nuove frontiere del giornalismo al Premio Ilaria Alpi

Sono veramente grato a Current e a Barbara Castiello, che ne cura l’ufficio stampa, per aver pensato a me nella moderazione dell’incontro sul tema “Le nuove frontiere del giornalismo”, tenutosi all’interno del Premio Ilaria Alpi a Riccione la scorsa settimana. Non c’èvideo della discussione purtroppo, ma è stata ricca di spunti.

E’ stata una ottima occasione per conversare su un tema di grande attualità insieme a giornalisti con esperienze e percorsi diversi. Ho avuto il piacere poi, vero valore aggiunto degli eventi dal vivo, di conoscere Luca Telese, Pietro Suber e soprattutto Andrea Postiglione, giornalista 25enne napoletano , che vanta già collaborazioni con Al Jazeera International e BBC World. Su Andrea voglio tornare con un altro post dedicato. Tra l’altro ha anche recentemente realizzato un video per Current, per la trasmissione Vanguard.

Il pomeriggio precedente all’evento ho anche avuto modo di conversare per alcuni minuti in diretta … Continua a leggere