Vai al contenuto

Archivio:

Italia

10 film da recuperare nel 2014

stoker

La classifica degli incassi del cinema in Italia grida vendetta. Sotto la top 100 ci sono almeno 10 film che avrebbero meritato un incasso ben superiore, ma la distribuzione sappiamo è quello che è, non solo in Italia. Grazie all’home video e a internet ecco i miei 10 film da recuperare, in ordine inverso rispetto all’incasso.

Before midnight

Uno dei migliori film dell’anno secondo molte top 10 di critici cinematografici. Ben recitato, ben scritto, dialoghi più che credibili. Un gioiello.

Stoker

Uno dei migliori thriller dell’anno, distribuito in Italia a giugno quando nessuno se l’è calcolato, eppure è straordinario. Ti assicuro che non hai visto niente di simile.

Una fragile armonia

Philip Seymour Hoffman vale da solo il prezzo del biglietto e insieme il film offre molto altro. Un quartetto di archi va in crisi e le relazioni personali si incrinano in una New York invernale.

Promised Land

Matt Demon … Continua a leggere

Yara e Amabili resti

Non ne posso più della telenovela sui tg della povera Yara! Purtroppo è un caso di quelli per cui la realtà si ispira alla finzione. Mi riferisco ad Amabili resti, romanzo in cui la protagonista narra in prima persona dal paradiso la sua storia, a cominciare dal momento precedente la morte. Dall’assassinio da parte di un vicino, la storia si dipana con tutta la sofferenza della famiglia e degli amici, fino all’identificazione del colpevole e a quanto non rivelo per non aggiungere spoiler.

Vuoi che la storia di Yara non sia simile? Possibile che ci debba essere un servizio al giorno per dire che non ci sono novità? Possibile che i morbosi interessi dei telespettatori non possano essere dirottati verso un libro, lasciando il tg ad altre notizie più notizie, come succede in gran parte del mondo? No, in Italia preferiamo la cronaca nera ai thriller in libreria. In … Continua a leggere

Andrea Postiglione, il giornalismo che non ti aspetti

Come funzionano i media italiani ormai lo abbiamo capito abbastanza bene. Sono rari i casi in cui nuovi talenti possono farsi largo, soprattutto nelle redazioni più prestigiose e ingessate, dove l’età media è elevata e le possibilità di carriera tutto sommato limitate.

Ai giornalisti del Master in Giornalismo Partecipativo, a cui ho avuto il piacere di fare lezione tra mazro ed aprile, ho sottolineato come il web apra grandi prospettive per il giornalismo del futuro, a patto di darsi da fare, rimboccarsi le maniche, conoscere bene almeno l’inglese e imparare tutti i giorni, creandosi le opportunità, preparandosi a prendere il treno che può passare da un momento all’altro.

Andrea Postiglione è un giovane giornalista napoletano freelance che esemplifica, a mio avviso, proprio tutto ciò. Andrea non è stato con le mani in mano, ma si èfatto notare per le proprie qualità, mettendosi in gioco. E’ così che si è preso … Continua a leggere

Web marketing, Face-book e la PMI italiana

Sempre la scorsa settimana ho avuto il piacere di essere invitato da Giorgio Taverniti (l’amico della Thailandia) alla GT Conference tenuta alla Bocconi di Milano, sul tema di web marketing e PMI. Gli interventi e le presentazioni sono stati pubblicati online sul sito della conferenza e meritano di essere visti per la qualità di relatori e contenuti.

Nel mio intervento ho parlato di Fare business con Face-book, il mio cavallo di battaglia per i prossimi mesi.

Nelle ultime settimane poi sto approfondendo come la PMI italiana potrebbe avvantaggiarsi nell’usare blog e altri strumenti social, con tante nuove idee che probabilmente metterà a frutto nei prossimi mesi. L’economia è in crisi, i budget diminuiscono, ma con un po’ di creatività e di intelligenza, rimboccandosi le maniche, il futuro non è poi così buio.

UPDATE Il libro è uscito!… Continua a leggere