Vai al contenuto

Archivio:

lavoro

Fuck-you money, definizione

There a few rules of thumb for dealing with money. The first has been termed by some linguistically adventurous individuals fuck-you money, in reference to the last two words—ever, presumably—you will yell at your boss before storming out of the office. Basically, fuck-you money refers to the savings that would allow you to quit your job at a moment’s notice without ending up in dire financial straits. One year’s salary, say. Fuck-you money is freedom. More important even than material independence is that fuck-you moneyallows you to see and think objectively. So if you haven’t saved up your fuck-you money yet, keep your fixed costs low. The lower your outgoings, the quicker you’ll reach your goal. In any case, it’s a nice feeling to have money without spending much of it.

The art of good life

Per la serie “la saggezza che si trova nei … Continua a leggere

Più personale, meno professionale

Questo spazio ha subito sorti alterne. Dopo essere nato come spin off di Pandemia, attraendo tutto quanto non era internet media e tecnologia (e quindi ambiente, politica, affari personali e locali), Lucaconti.it è diventato sempre meno personale e più professionale. Professionale nel senso in cui l’obiettivo di questo spazio è diventato filtrare e proporre la parte di Luca più pubblica e legata alla sfera lavorativa. Esperienze personali condivise sì, ma con un risvolto professionale: nuovi libri in uscita, presenze sui media, partecipazione a eventi ed esperienze a cavallo tra la sfera personale e quella professionale.… Continua a leggere

La lettera che non ti aspetti

Buonasera, mi rincuora disturbarla.

Mi chiamo [NOME] e Sono una studentessa di [XXX] del liceo di [XXX] .Le scrivo perchého acquistato il suo libro sul web marketing, siccome mi sta molto interessando questo mondo e vorrei al più presto mettermi in gioco per cominciare già da adesso ad investire sul mio futuro. Essendo in quarta ho ancora un anno per capire a pieno in che direzione debba andare la mia vita , ma purtroppo il solo pensiero di non aver trovato ancora la mia strada mi rattrista.

Le ho scritto dunque per chiederle di aiutarmi a capire se il corso di web marketing alla Milano-Bicocca mi posso garantire un futuro stabile ma ciòche importa più di tutto, felice. Personalmente sto già leggendo dei libri e articoli, prendendo spunti anche da alcuni video sull’argomento. Il mio sogno è quello di viaggiare, intraprendere relazione nazionali e internazionali conoscendo quanti più punti di

Continua a leggere

La vita è breve, per trascorrerla su Face-book

Ascolta “La vita è breve, per trascorrerla su Face-book | con Luca Conti” su Spreaker.

La scorsa settimana ho fatto una bella chiacchierata con Andrea Ciraolo nel suo podcast: Un buon giorno per morire. Andrea mi ha fatto tante domande sul mio percorso personale, sull’evoluzione dei social media, sul tema dell’equilibrio digitale, su perché stare tanto tempo sui social media non ci rende più felici e molto altro, compreso un annuncio finale.

Ascoltami su Un buon giorno per morire e fammi sapere la tua opinione in merito.

Il podcast è anche un ottimo complemento all’articolo in cui ho illustrato che è in arrivo un nuovo Luca Conti.


Continua a leggere

Eroismo è diventare se stessi

Alcune delle reazioni alla mia comunicazione pubblica di abbandonare il social media marketing, per dedicarmi ad altro, mi hanno dato del coraggioso e del visionario. Allo stesso tempo però, le stesse persone mi hanno fatto capire, implicitamente o esplicitamente, che loro non avrebbero potuto concedersi lo stesso lusso. Trovare soddisfazione nel proprio lavoro non èfacile e , se non la si trova, cercare un altro lavoro non è necessariamente la scelta seguente o quanto meno la preoccupazione più prioritaria. Mi sono reso conto quindi, semmai avessi avuto qualche dubbio, di essere veramente coraggioso, almeno secondo i parametri della società in cui viviamo. Lasciare il certo per l’incerto, anche quando si soffre per il certo, è raro.

Una conferma di quanto sopra mi èvenuta dalla storia di copertina del New York Times Magazine sul mondo del lavoro, dove il pezzo principale include questo aneddoto:

One classmate described having to invest

Continua a leggere