Vai al contenuto

Archivio:

New York

A passeggio per le vie di New York

Ben trovato e ben trovata!

A volte fare il lavoratore nomade digitale mi viene particolarmente bene. Ho deciso di venire a trovare alcuni amici newyorkesi a dicembre, comprando il biglietto aereo il 2 gennaio. Solo a fine febbraio mi sono accorto che nello stesso periodo ci sarebbe stata una conferenza interessante, Digital Book World, e ho inviato una richiesta di accredito stampa. Mai avrei immaginato che Il Sole 24 Ore e gli amici di Nova 24 sarebbero stati così entusiasti da chiedermi ben 4 articoli, tra cui l’apertura dell’inserto! Così è stato, così la scorsa settimana ho unito veramente l’utile al dilettevole, comprendo questo evento. Trovi online 3 dei 4 articoli, se sei curioso.

Oggi prima giornata interamente piovosa e nuova occasione per lavorare un po’, dopo una settimana intensa, oltre alla partecipazione della conferenza di cui sopra. Ho avuto modo di partecipare a uno spettacolo di danza moderna, … Continua a leggere

L’arte a New York e la promozione online

Dopo un mese circa dall’ultima lettera, eccomi di nuovo qua a scriverti da New York. Sono arrivato ieri sera, ora locale, nel mezzo di un bufera di vento e temperature largamente sotto zero. Starà  questa latitudine per circa tre settimane, prima di tornare in Italia, in tempo per Pasqua.

New York d’inverno è una metà perfetta per la cultura da museo. Nei prossimi giorni intendo visitare tutti i più importanti musei e qualcuno dove non sono ancora stato. Dal MOMA al MET, passando per il nuovo Whitney e la Neu Galerie, le occasioni non mancano. Il bello di viaggiare è che ti puoi prendere il lusso di vedere come gli altri comunicano la cultura con il digitale, cosa che si potrebbe fare anche da casa, se non fossimo tutto distratti da altro.

Cercando orari, valutando il costo dei biglietti, scoprendo che tutti i musei hanno almeno un … Continua a leggere

Mi sento cittadino del mondo

E’ una bella sensazione e negli ultimi tempi l’ho provata più di una volta, a Berlino, a New York e a Siviglia, in particolare.

Una sensazione che porta con séuna grande pace interiore e la consapevolezza di essere parte di un esperimento incredibile quale è la vita sul pianeta Terra. I miei paesaggi recentemente sono molto antropizzati e poco naturalisti, ma ciònon toglie che vivere in questi ambienti porti ad una visione dell’umanità non trascurabile.

Passeggiare in una strada di New York, muoversi tra le modernità della nuova Berlino, aggirarsi nel centro di Siviglia, da solo o in compagnia, accentua questa piacevole sensazione. Più facile a viverla che a raccontarla.

E’ bello a volte anche soffermarsi a vedere la gente. Diversi stili di vita, modi di vestire diversi, culture simili quanto differenziate. Non ho la preteso di affermare di aver visto come è il mondo semplicemente per aver girato … Continua a leggere

La settimana a New York volge al termine

Il tempo vola, soprattutto quando ci si diverte. La settimana a New York è letteralmente volata e non ho ancora avuto modo di raccontare vari aneddoti simpatici che mi sono capitati. Ho volutamente dato spazio alla cronaca della conferenza per la quale sono qui, Web 2.0 Expo, al dietro le quinte della stessa (su Pandemia), al networking con i partecipanti, ad altre sessioni di interesse personale e alla visita della città.

Non mancherà, appena possibile, una cronaca relativa all’ostello che avevo consigliato su FriendFeed e che ora mi trovo a sconsigliare.

Ho aggiunto altre foto nel mio account Flickr: appena avrà tempo cercherà di titolarle, riorganizzarle e ritagliarle un po’, sistemando a parte le slide di alcune presentazioni. Purtroppo il tempo a disposizione per conciliare il tutto è quello che è, ma è tutto registrato, nella mia mente, quindi non abbiamo problemi di perdita di dati (spero).

Sta per … Continua a leggere

Cartoline da New York

Non sono passate 48 ore dal mio atterraggio a New York e me ne sono già innamorato. La grande mela ha un fascino incredibile. Sembra di vivere in un film, tante sono le immagini di New York assorbite nel tempo da film, serial tv e Internet. Anche solo passeggiare nelle strade più trafficate stimola emozioni a non finire.

La conferenza a cui partecipo è cominciata oggi, ma ieri ho avuto una giornata intera per girare un po’ e ho preso di mira la parte bassa di Manatthan, il porto e il ponte di Brooklyn. Ho anche preso il traghetto per andare verso Staten Island, così da vedere tutta la zona dei grattacieli dall’acqua: fantastico. Straordinaria anche la vista dal ponte e l’umanità che lo percorre a piedi e in bicicletta.

La notte ha un fascino tutto suo, che devo ancora assaporare per intero. Ieri sono saltato da un cocktail al … Continua a leggere