Vai al contenuto

Archivio:

personale

Meno link, più esperienze

Tra le poche fonti di relazione personale che seguo, ci sono i blog di Nicola e di Domitilla. In entrambi i casi li seguo perchémi piace restare in contatto e leggere cosa hanno da condividere sui propri blog. Come ai vecchi tempi della blogosfera, in cui i blog erano tanti, personali e curati giornalmente. Spunti di riflessione intellettuale e segnalazione di contenuti interessanti. Oggi le condivisioni sono n volte superiori, ma avvengono quasi totalmente dentro i giardini chiusi delle piattaforme social, da cui ho deciso di esiliarmi.… Continua a leggere

Che mattina!

Quel che si riesce a fare con il telefono spento è notevole. Non incredibile, perchéci vuole poco in realtà. La nota modalità aereo, che funziona anche meglio se la sera prima decidi di non mettere il telefono a caricare e la mattina lo prendi all’1%. Il tempo di inviare un messaggio, leggerne un altro e il telefono si spegne. Il colpo di genio sta nel non riaccenderlo e neanche metterlo a caricare. Questa mattina non ho impegni e posso permettermi di tenerlo spento. In questo momento è ancora spento.… Continua a leggere

Sic transit gloria mundi

Non c’ègiorno migliore di quello in cui ho visitato la camera mortuaria per rendere omaggio al padre di un’amica, e farle coraggio, per riflettere sul fatto che tutti siamo utili, ma nessuno indispensabile. L’ho sempre pensato, ma oggi ne ho avuto l’ennesima conferma. Non citerà fatti e persone, perchéil fatto in questione è solo uno di tanti, esemplare di un modo di intendere le relazioni come transazione. Io faccio un lavoro per te e, per quanto possiamo andare a pranzo/cena insieme, per quanto ci possiamo interessare l’un l’altro della propria salute e dei propri cari, per te io sono una merce intercambiabile. Le attenzioni alla persona sono solo formali o magari genuine, ma solo fino al momento in cui il business incontra un momento di svolta. Come gli amici si vedono nel momento del bisogno, la profondità e la qualità delle relazioni professionali si scopre quando arriva un momento critico. … Continua a leggere

Un aperitivo a Jesi, tra equilibrio digitale e personal branding

 

Acquisire consapevolezza del proprio comportamento è il primo passo. Poi è il momento di agire.

drink

In una giornata lavorativa tipo, quante ore dedichi al lavoro vero, quello che ti fa guadagnare e che ti appassiona? Quanto tempo passa invece tra notifiche, distrazioni, controllo email, Face-book e altre attività per cui non vorrai essere ricordato al tuo funerale? Della tua attività online quotidiana, quanto èveramente dedicato a valorizzare la tua Identità e il tuo personal branding e quanto è“tempo perso”?… Continua a leggere

Integrity Report 2017: allineare valori con i comportamenti quotidiani

È un buon esercizio fermarsi un attimo, almeno una volta l’anno, per allinearsi con i propri valori: questo è in sintesi l’obiettivo di un integrity report.

integrity report

Da un’idea di James Clear, in questo articolo/report andrà a rispondere alle seguenti domande per il mio integrity report 2017:

  1. Quali sono i valori chiave che guidano la mia vita personale e professionale?
  2. Come si sono allineati valori e lavoro nella pratica quotidiana, nell’ultimo anno?
  3. Cosa posso fare per alzare l’asticella durante il 2017?
Continua a leggere