Vai al contenuto

Archivio:

tecnologia

Attenti alla retorica del “la tecnologia ci salverà”. Vale per i cambiamenti climatici e per Web3.

Maurizio, commentando un mio post sull’essere fuori dalla bolla, scriveva:

Tempo e profondità sono qualcosa che il mondo digitale ha distorto rispetto al passato. L’abbiamo visto standoci dentro e per questo sappiamo che siamo solo all’inizio dell’accelerazione.
Le tue sono considerazioni che condivido. Mi chiedo però se la soluzione per una maggiore consapevolezza non possa anche essere un’altra. Essere fuori dalla bolla porta indiscussi vantaggi, ma anche alcuni svantaggi. Ho letto queste tue parole per caso, il tuo blog non era il mio radar o meglio nel mio stream, proprio perchè non è nella bolla.
Quasi 50 anni fa, Il grande Marshall McLuhan diceva: “Solo la tecnologia può proteggerci dalla tecnologia. Quando si crea un nuovo ambiente grazie a un certo stadio di tecnologia, bisognerà creare un controambiente con lo stadio successivo”.
Forse potremo ottenere la soluzione del problema della bolla digitale, proprio grazie al digitale.

Oggi da … Continua a leggere

Voglia di Raspberry Pi 400

L’amico Alessandro ieri mi ha segnalato l’uscita del computer tastiera. Un Raspberry Pi 400. Un computer capace di riprodurre video in 4K, cosa che il mio Ultrabook del 2012 non è in grado di fare, ahime. Con il kit da 106 €, che comprende cavi, mouse e scheda di memoria da 16 Gb, puoi navigare online, vedere video in streaming, scrivere, per non dire programmare e molte altre cose. Sono veramente tentato dall’acquisto…

Raspberry Pi 400Continua a leggere

La tecnologia ci libera o ci rende dipendenti?

Qualche settimana fa Donna Moderna mi ha chiesto un contributo sul tema dell’equilibrio digitale. Lo ripropongo a seguire. Come complemento, ti consiglio l’ascolto del podcast Equilibrio digitale, in quattro puntate, con la mia viva voce. Buona lettura e buon ascolto.

tecnologia

Suona la sveglia e comincia la giornata. Il 57% degli Italiani dotati di smartphone inizia controllando email, WhatsApp e le ultime notizie, senza neanche scendere dal letto. Da questo momento il cellulare ci accompagnerà ovunque: in bagno, a tavola, al lavoro e di nuovo prima di addormentarci. Lo controlliamo fino a 200 volte nell’arco della giornata, con gli occhi sul piccolo schermo per una media di due ore e quattro minuti. In molte occasioni ci semplifica la vita: la mappa per trovare il luogo dell’appuntamento, la definizione su Wikipedia o la foto che ci arriva da un amico dall’altra parte del mondo. In altre compromette le relazioni e Continua a leggere

Starbene, tra app e tecnologia da indossare

Una collaborazione di cui vado fiero, avviata l’anno scorso e che continua quest’anno, è quella con Starbene. Il settimanale Mondadori, diretto da Annalisa Monfreda, si avvale di un mio doppio contributo. Il primo è sulla carta, con una rubrica bisettimanale su app e salute e il secondo è un blog dedicato alla salute e la tecnologia, con una forte attenzione al mondo dei dispositivi da indossare (wearable).

Sotto vedi un esempio della rubrica sulla carta, con tre app selezionate tra quelle pensate per aiutare il fumatore a smettere. Per leggere il blog invece devi solo cliccare su Salute Hi tech.

 

Continua a leggere