Vai al contenuto

Archivio:

televisione

Un piano (di consumo media) per il 2019

Sì, mi piace pianificare. Mi piace organizzare il mio tempo. Mi piace anche usarlo al meglio, per ampliare la mia visione del mondo e stare in salute, fisicamente e mentalmente. Una dieta mediatica sana è l’equivalente di un regime alimentare sano: equilibrato, pluralista, nutriente, stimolante, energetico. Per il 2019 ho deciso di aggiungere un ulteriore esperimento: selezionare ancora meglio il consumo e ridurre il tempo dedicato alla scelta.

Libri

Il 2018 si chiude con 108 libri letti e un paio in lettura. Ho raggiunto l’obiettivo di leggere più narrativa (più della metà dei libri letti) e ho mancato quello di leggere tanti libri scritti da donne, quanti da uomini. Ho letto 31 libri scritti da donne e ne ho due in lettura: troppo poco, ma meglio dell’anno precedente. Per il 2019 voglio fare meglio, con i seguenti obiettivi:

  • Parità tra autori maschi e bianchi e altri autori appartenenti
Continua a leggere

Cartoline da La7, Rai e Sky

Negli ultimi giorni ho fatto un po’ il pellegrino a Roma, per partecipare ad alcune trasmissioni televisive a presentare il mio Comunicare con Twitter.

Ho cominciato il primo giugno da la7, grazie all’invito nel Tg delle 12,30. In diretta, a fianco del conduttore del tg, per qualche commento dell’attualità e due battute finali sul libro. E’ stato divertente.

L’acquario è il modo scherzoso con cui gli assistenti di studio chiamano la regia, che sta dietro le spalle del conduttore.

Questo è il tavolo della conduzione del tg, pochi minuti prima della messa in onda.

Continua a leggere