Vai al contenuto

Archivio:

sfida del mese

La sfida del mese di marzo: meno informazione, più filtro

 

Qual è il valore del flusso informativo in cui siamo immersi quotidianamente?

filtro

Da professionista della comunicazione e dell’informazione credo sia un dovere interrogarsi sul valore estratto dall’informazione quotidiana che consumiamo. Per questo ho deciso di applicare alcuni filtri per il mese di marzo. Filtri più restrittivi del solito.

La sfida del mese di marzo

La mia dieta informativa ègià molto sofisticata. Niente telegiornali, niente canali all news, niente giornali, niente periodici, niente radio. Solo digitale, selezionato: podcast in inglese, molti feed RSS in inglese e qualcuno in italiano, diverse newsletter quotidiane e settimanali, più il flusso di Twitter. Da queste fonti ricevo link di articoli da leggere, segnalazioni di libri da leggere, film da vedere, podcast da ascoltare. Il volume è tale che, per quanto filtrato, a mala pena mi permette di restare al passo. Con un limite: leggo pochi libri (uno a settimana per me è poco) … Continua a leggere

La sfida del mese: la regola delle 8 di sera

Ogni mese una nuova sfida (anche se questo sarà ridotto, visto che siamo già al 10 febbraio), per provare a cambiare abitudini, a migliorarsi, a vivere in modo diverso.

Questo mese ho deciso di ridurre l’utilizzo dello smartphone, che nelle ultime settimane ha raggiunto livelli allarmanti (oltre 6 ore al giorno). Ciò che mi ha distratto oltre il giusto limite sono state le app per comunicare, a cominciare da Whatsapp, che occupa fino a un quarto o un terzo di tutto questo tempo. Dalle 8 di sera alle 8 di mattina lo smartphone sarà in carica, lontano dalla camera da letto.

Non lo prenderà in mano per controllare email, messaggi, notizie, notifiche o altro dopo le 8 di sera e non lo prenderà in mano a colazione (o peggio in bagno) per vedere i messaggi della notte, le news del mattino, Twitter, Face-book, la posta e altre notifiche, … Continua a leggere