Vai al contenuto

Archivio:

Gennaio 2012

Diario minimo /13 – Mangiare meglio

Ognuno di noi sa bene come può cambiare in meglio il proprio stile di vita in senso minimalista, con l’obiettivo di vivere meglio, più soddisfatti, più in equilibrio con noi stessi, con gli altri e, non ultimo, con il pianeta. Essere meno materialisti, più attenti a chi ci sta intorno e al nostro benessere psicofisico passa per un riequilibrio del tempo, con più attività fisica e una alimentazione più consapevole.

Posso considerarmi fortunato, per avere un metabolismo che mi permette di controllare le mie abitudini senza grandi fatiche e per essere sempre stato abituato ad andare in bicicletta, a camminare e a fare le scale. Oggi, il trovare nuovi margini di miglioramento mi ha portato a stare più attento a cosa mangiare e a quanto mangiare. Una due giorni al forum Barilla sulla nutrizione ha contribuito a rendermi più sensibile.

In cosa sono cambiato?

Nel fare la spesa … Continua a leggere

Diario minimo /12 – Camminare, camminare, camminare!

Da un po’ di tempo, lo sai, sono diventato più sensibile alla salute e a come star bene, a partire dal movimento e dall’alimentazione. Più leggo, più intercetto articoli, più mi convinco di essere sulla strada giusta. Negli USA la scorsa settimana mi sono imbattuto casualmente in un articolo dal titolo “sitting is the new smoking“, ovvero star seduti è il nuovo fumare.

In pratica nell’articolo si citano studi che affermano come le ore passate a star seduti portano un aggravamento del rischio di varie malattie e questo rischio non si annulla semplicemente con un po’ di attività fisica compensativa: dobbiamo stare meno tempo seduti per star bene!

Puà sembrar difficile ma non lo è poi più di tanto. Da quando ho il contapassi e mi son convinto a cercare di essere più attivo, ho cambiato diversi comportamenti, diventati ormai abitudine o quasi, cercando di camminare … Continua a leggere

Raccontare la propria vita

Due anni fa l’avevo conosciuto a DLD a Monaco e mi aveva subito impressionato. Jonathan Harris non è una persona qualsiasi. L’idea di raccontarsi e documentare la propria vita con una foto al giorno ègeniale. Il video sopra la riassume molto bene.

Jonathan ha recentemente lanciato un progetto, Cowbird, che vuole essere una piattaforma pensata per lo storytelling, per raccontare storie personali utili a ispirare altre vite e a raccontare la propria storia, con grandi immagini ad impatto, testo ed eventualmente un commento audio.

Non potevo non chiedere un invito a partecipare e a raccontare/documentare esperienze e pensieri che vale la pena condividere. L’invito è stato accolto e mi trovi a questo indirizzo. Non scriverà tutti i giorni, scriverà in inglese e cercherà di raccontare una parte di me che qui e altrove online appare poco. Più riflessiva e più intima, seppur pubblica.

Per saperne di più … Continua a leggere

Una settimana produttiva, molto produttiva

Non c’è dubbio che la settimana negli USA che si è appena conclusa sia stata da record! Non solo ho ritoccato il record giornaliero di passi, superando quota 23.000, ma ho un nuovo record settimanale di 82.000 passi, difficile da eguagliare nei prossimi giorni (dati raccolti grazie a FitBit). Come è stato possibile?

Considera che ho girato come una trottola tra fiera dell’auto a Detroit (NAIAS), fiera dell’elettronica di consumo a Las Vegas (CES), Central Park, museo Guggenheim, Times Square e Seaport a New York, nonostante in quest’ultimo caso una temperatura da brivido (fino a -6C).

Ne avrei tante da raccontare, ma il lavoro chiama.

Qualcosa pubblicherà qui nei prossimi giorni e qualcosa in questo nuovo spazio pensato per lo storytelling.… Continua a leggere