Vai al contenuto

La settimana 17/2022

Scritto da:

Luca Conti

Altra settimana molto tranquilla. La quiete prima della tempesta, in senso buono, che si avvicina per maggio. Sono uscito poco, ho avuto amici a cena – cosa che non succedeva da quasi un paio di mesi – ho preso molto sole, ho visto una serie TV (Utopia, 2013), ho letto un libro che resterà (Come far saltare un oleodotto). Ho lavorato poco e mosso poca cassa. Ho chiuso le prenotazioni per Tunisi con la definizione dell’alloggio. Non ho ancora prenotato per la Grecia, mannaggia! Vediamo se riesco a recuperare oggi. L’umore resta su buoni livelli, anche se vari episodi mi hanno un po’ frustrato: niente di importante. Da registrare anche la partecipazione a un funerale, di un vecchio parente. R.I.P.

Vita sociale

Oltre alla consueta chiacchierata online, questa settimana c’è stato l’evento mensile sui libri, sempre stimolante e divertente, più una cena a casa mia, con film allegato. Due amici presenti. Niente altro. Le prossime settimane saranno diverse, perché ho 19 notti fuori, di cui 6 a casa di amici e 7 in viaggio con amici e 2 in un resort con un evento. Maggio è un mese movimentato, anche socialmente, ma non localmente. Per Giugno conto di organizzare qualcosa di simile.

Amici incontrati (online): 3 (1).

Vita intellettuale

Batman al cinema, con ampia discussione a seguire, con due amici cinefili. A casa ho visto Great freedom (Germania) e una serie inglese del 2013, Utopia, che non mi ha entusiasmato. La sorpresa della settimana è Parigi, 13 arr. (Francia): fresco, originale, fluido, coinvolgente, divertente. Una gioia per gli occhi. Infinite storm, della regista di Non cadrà più la neve, mi ha annoiato e non l’ho neanche finito.

Il mese si chiude a 11 film, di cui 4 al cinema. Minimo dell’anno, probabilmente superato, in basso, da Maggio, in cui sarò poco a casa. Vedremo.

Film visti: 4

Totale film da inizio anno: 76

Ho perso interesse negli audiolibri. Vediamo se il tempo dei viaggi me lo farà tornare. Ho abbandonato due audiolibri: Storie di ordinaria follia di Charles Bukowski e La fabbrica di Hiroko Oyamada. Poco male. Ho finito Come far saltare un oleodotto, illuminante, seguito da E se smettessimo di fingere?, citato nel primo libro. Quest’ultimo è solo 64 pagine, ovvero un articolo e una intervista. Tra l’altro venduto a 10€ (!!). In più ho finito Come diventare vivi di Giuseppe Montesano, partito benissimo e finito malissimo (la parte aggiunta nella nuova edizione è assolutamente inutile), e Le cose di Georges Perec, dove è illustrato il consumismo degli anni Sessanta. Fa riflettere.

Ho continuato Come cambiare la tua mente, molto lungo e denso, e The Ardent Swarm, che voglio finire prima del viaggio in Tunisia. Ho mille altre tentazioni per altro da cominciare, ma cercherò prima di finire questi due.

Libri letti: 6

Libri (nuovi) in lettura: 0

Totale da inizio anno: 78 (+12 abbandonati).

Formazione: Termino di riportare questa informazione, mandando in pausa la formazione almeno fino a fine giugno. Quest’anno sarà una tarda primavera di viaggio, per recuperare le ultime due fermo.

Salute

La mia percentuale di grasso sta al suo massimo (16%), ma il peso è sotto controllo e attribuisco questo fatto a una dieta ricca di grassi buoni (burro di arachidi, semi di lino, semi di girasole, mandorle). Sono sicuro che alla fine di maggio, complici i viaggi in cui di solito mangio più leggero del solito, la percentuale ritornerà intorno al 14% e il peso resterà costante, se non in leggero calo. Ho dormito molto: una sera sono crollato sul divano che non erano neanche le 21! Lo attribuisco ai bagni di sole che hanno caratterizzato questa settimana, una delle note più positive. Ho già un’abbronzatura da inizio estate e siamo appena al primo maggio! L’esposizione al sole mi stanca in senso buono, mi mette di buon umore e mi fa stare bene con me stesso. Questa settimana farò più movimento, nota carente in questi ultimi giorni in cui ho preferito fare la lucertola.

Lavoro

Come il periodo dell’anno dice, settimana ordinaria col minimo di attività. Sono già proiettato sulla partenza dei prossimi giorni. Il lavoro è assolutamente in secondo piano. Anche il side job ha battuto la fiacca, complice l’ultima settimana del mese in cui il ciclo è spesso negativo. Va bene lo stesso.

Finanza personale & Ricavi

Movimento ridotto, ma il mese è andato molto bene, tra i migliori, anzi il migliore da inizio anno. Maggio sarà influenzato negativamente dai viaggi, ma che li metto da parte a fare i soldi, se non per spenderli in esperienze, finché c’è la salute? Tra l’altro ho fatto un rapido calcolo e ho accumulato una liquidità superiore a quello che pensavo, quindi posso spendere il necessario senza alcun patema d’animo. Avere la sicurezza economica libera energie mentali per altro. So di essere molto fortunato, rispetto a tante persone che si trovano a dover sostenere una famiglia e dei figli, con le stesse risorse che io ho per me o anche meno, anche con molto meno tempo libero per via del lavoro. Sono fortunato.


Domenica prossima sarà una sfida trovare un minimo di tempo per questo esercizio. Vedremo se ne avrò voglia. Sarebbe un peccato interrompere questa documentazione settimanale, anche perché la prossima settimana, questa settimana, sarà interessante sul piano culturale e sociale.

Articolo precedente

I libri che trovi nei libri

Articolo successivo

I libri del mese - Aprile 2022

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.