Vai al contenuto

Archivio:

blog

Ritorno alle origini

blog

Curare un blog personale, da professionista del web, non è cosa facile. Basta vedere i blog di consulenti web, esperti di social media, professionisti delle PR online per vedere come spesso ci si trovi a navigare su blog semiabbandonati, se non proprio morti, pur con Twitter, LinkedIn e Face-book attivi su base quotidiana se non oraria.

Personalmente ho sempre creduto che un blog fosse centrale nella comunicazione online, personale e professionale, prima e dopo l’avvento dei social network. La difficoltà in cui mi imbatto è un’altra: quanto essere personale e quanto essere professionale, pur consapevole che le due sfere siano collegate e inseparabili oggi (lo dicevo ieri all’incontro su manager 2.0).

Cercando luca conti su Google queste pagine sono il primo o il secondo risultato, quindi è chiaro come queste pagine personali influenzino in un modo o in un altro la mia immagine e la mia reputazione professionale. Andando indietro … Continua a leggere

Cinque anni vissuti intensamente

Sì, proprio oggi questo blog compie 5 anni. Cinque anni che potrei ripercorrere, mese per mese, grazie all’archivio del blog. Facebook è fantastico nel potere di mettere in contatto, Twitter è insuperabile nell’immediatezza ma il blog rimane comunque la mia casa in rete ed è insostituibile.

Ripensando ad oggi, cinque anni fa, vedo dei grandi cambiamenti, in tutti i fronti o quasi. Cinque anni fa aprivo questo blog per raccogliere da Pandemia tutti gli spunti di carattere personale, locale e politico, con l’avvio della campagna elettorale per le elezioni comunali di Senigallia che mi ha visto poi, qualche anno dopo, sedermi tra i banchi del Consiglio, eletto. Cinque anni fa facevo il pendolare su Ancona, part time, per il WWF Italia e nel tempo libero studiavo il mondo dei blog e del social web, tessendo filo dopo filo la mia rete di relazioni, trasformata poi nel lavoro che svolgo oggi.… Continua a leggere

Reputazione, anonimato e blog

Segnalo l’articolo del Corriere della Sera, uscito giovedì della scorsa settimana, dove Cristina Marrone mi ha intervistato sui blog e l’anonimato.

A seguire un estratto.

Nel mondo del web in realtà l’ anonimato sta calando e sono sempre meno i blog senza nome e cognome. «Esistono due tipologie di blogger che non vogliono svelare il proprio nome» spiega Luca Conti, titolare di «Pandemia.info». «Ci sono persone che divulgano informazioni riservate e con l’ anonimato si proteggono, salvandosi da un licenziamento certo. Ma sono abbastanza rari. E poi ci sono quelli che in Rete ci sono, con nome e cognome, ma solo sotto pseudonimo e con altro blog trovano il coraggio di criticare persone che conoscono e con le quali magari lavorano». […] «L’ anonimato è stata una tendenza diffusa fino a qualche tempo fa con chat e nickname – aggiunge Luca Conti – ed è poi seguito un processo

Continua a leggere

Quattro anni di blogging

Un paio di giorni fa era il compleanno di questo blog. Nato per raccontare la campagna elettorale delle comunali 2005 a Senigallia, con il tempo si è trasformato in blog personale e locale.

Negli ultimi mesi il rallentamento è stato evidente, provocato da una agenda di impegni professionali sempre ricca, affiancata da una nuova agenda di impegni personali (viaggi prevalentemente) che hanno avuto come primo effetto più vita vissuta (non che prima non fosse così) e meno tempo per raccontare questa vita.

La funzione di questo spazio non è comunque dal sottoscritto considerata esaurita. I lettori sono quelli che sono, ma gli abbonati sono in costante leggera crescita e hanno superato da qualche tempo i 400. I commenti sono pochi, ma li ho mai considerati un traguardo da conseguire: se qualcuno ha qualcosa da dire lo dice, altrimenti va bene lo stesso.

Ho già scritto che questo blog cambierà formula … Continua a leggere