Brutta storia quella dell’Orso Bruno

Purtroppo si commenta da sé.

Ma l’ironia di Schuessell non è stata condivisa da organizzazioni come il Wwf, che in Austria ha tagliato corto: “Non è così che si tutela il patrimonio faunistico e per settimane si sono prese decisioni sbagliate senza affrontare davvero la situazione”. In Italia, dove il Wwf ha avviato da anni un programma per la reintroduzione dell’orso nel parco dell’Adamello Brenta, il presidente dell’organizzazione, Fulco Pratesi, ha parlato di “atto di inciviltà” e sottolineato come da settimane gli esperti italiani si fossero offerti di collaborare con le autorità tedesche e austriache per riportare Bruno a casa, in Trentino, dove era nato.

[Repubblica.it]