Il fondo della lista delle cose da fare riprende vita

In questo ottobre dedicato al recupero degli arretrati e alla ricerca di un nuovo equilibro psicofisico, qualche cosa di buono l’ho fatta già. Piccoli traguardi che aiutano a vivere meglio. Tra questi:

  • Ritrovata la chiave della cassetta della posta, incredibile ma vero!;
  • Destinati in beneficenza 4 pantaloni che non utilizzo, insieme a una vecchia giacca, all’insegna del decluttering! Prossimo passo l’acquisto di qualcosa di necessario (camicia bianca e giacca blu navy);
  • Spazio e ordine nel disco del mio computer e in 3 dischi esterni: meno file duplicati o inutili (foto e documenti vari) e maggiore sicurezza e gestione di altri file media (video in testa);
  • Ordine nella biblioteca casalinga cartacea, con numerosi titoli donati e altri da donare;
  • Ordine e pulizia nella collezione di ebook, con il “macero” di 5000 titoli; ora siamo a circa 6800;
  • Installato scanner portatile per prossima digitalizzazione di carte varie;
  • Sistemato iPad 2 per donazione a mia madre;
  • Acquistato smartphone Android per mio fratello;
  • Messi in vendita Kobo Glo e Kobo Aura per nuovi lettori digitali;
  • Buttati opuscoli, libercoli e carte inutili di vario genere.
  • Cominciato il Bullet Journal, tracciando anche abitudini da mantenere su base giornaliera (esercizio fisico, yoga, blogging, mangiare vegetariano, ecc.): quando cominci, fai più fatica a smettere e interrompere la serie positiva;

C’è ancora tanto da fare per potermi considerare completamente soddisfatto, ma siamo solo all’inizio.