Vai al contenuto

Come si arriva a parlare all’interno del Tg1

Scritto da:

Luca Conti

Sabato 23 Giugno 2007, all’interno dell’edizione delle 20 del Tg1, è andato in onda un servizio su Face-book e i social network, curato da Sandro Vannucci, al cui interno è apparsa una mia dichiarazione in video e la schermata di due miei blog, Pandemia e Social Media Corner.

Come è stato possibile tutto ciò? Seguono alcuni consigli utili per chiunque, online, vuole farsi trovare e cogliere l’occasione giusta quando questa si presenta.

Farsi trovare

Sandro Vannucci mi ha probabilmente trovato, dopo aver ricevuto l’incarico di produrre un servizio su Face-book, cercando Face-book e social network su Google. Con queste chiavi di ricerca un mio articolo recente è posizionato tra i primi 10 risultati. Per avere un posizionamento e farsi trovare è utile: scrivere con costanza, usare le parole chiave dell’articolo nel titolo dell’articolo stesso, avere un blog fortemente tematico in cui le parole chiave ricorrono, partecipare alle conversazioni in rete e godere di link di ritorno.

Contatti

Se si vuole che un giornalista possa chiamarti in caso di emergenza, è bene inserire un proprio numero di telefono online. Senza il mio numero nella pagina della mia carta d’identità digitale, Vannucci non mi avrebbe tempestivamente chiamato e non sarebbe nata l’opportunità di finire nel giornale. Mettere il proprio telefono online porta più vantaggi che svantaggi, ammesso che abbia svantaggi. Una email bene evidente è comunque utile, se monitorata costantemente. Vannucci non è il primo giornalista che mi telefona attraverso il numero trovato nella mia pagina, online.

Studiare, aggiornarsi, studiare

Essere pronti a cogliere l’occasione quando si presenterà. Per far ciòbisogna essere costantemente informati sulle proprie materie e non cadere impreparati nel caso in cui qualcuno dei media dovesse contattarti per approfondire un argomento. Essere pronti a fornire documentazione utile, come nel caso di Face-book, è un buon biglietto da visita da presentare al nostro interlocutore.

Fortuna

Un pizzico di fortuna aiuta sempre. Vannucci ha trovato nella home page di Pandemia, nel giorno in cui mi ha cercato, un link a Social Media Corner dove si trattava per altri versi il tema sul quale stava indagando per il suo servizio. E’ successo così che la schermata di quel blog è stata inserita nel montaggio. Alla richiesta di poter inserire un frammento video nel servizio – è pur sempre televisione – mi èvenuta l’idea di usare Ustream per trasmettere una mia intervista registrabile a distanza e poi, al momento, ho pensato di inserire il codice dentro Pandemia, cosa che ha permesso alla schermata del blog di finire in onda.

Disponibilità di tempo

Dedicare tempo ad un giornalista può sembrare, in alcuni casi, tempo perso. In realtà, seppur sia bene non farsi aspettative nell’immediato, investire tempo nel fornire informazioni, suggerimenti e spunti a chi ne ha bisogno, prima o poi darà qualche frutto. L’economia del dono è una realtà, anche fuori dalla rete.

Prima di giovedì conoscevo Sandro Vannucci per averlo apprezzato alla conduzione di Linea Verde. Ora siamo in contatto su Face-book e su LinkedIn e chissà che non possa ancora suggerirgli altri temi per diffondere la cultura di rete in tv?

Se non l’hai visto, il video èqui:

Articolo precedente

Collegamento con il Tg1 via Internet

Articolo successivo

Pandemia su Panorama /1

Partecipa alla discussione

  1. Ciao Luca, complimenti per l’escursione televisiva che ho avuto modo di apprezzare sabato. Anch’io il tuo numero di cellulare
    (per il servizio del MarCamp sul Messaggero di Ancona) l’ho trovato grazie alla carta d’identità digitale che hai inserito on line.

    a presto
    G.G

  2. Complimenti per l’intervista molto professionale. Sembravi un vero inviato del TG! Che non sia il tuo futuro? Un inviato Rai dal web?? 😉

  3. Ottimo post. Rivela aspetti interessanti circa le dinamiche dei contatti tra giornalisti e blogger.

    P.s.
    Sai per caso come posso finire su Studio Aperto? Mi tocca ammazzare qualcuno a colpi di blog?

    😛

Commenti disabilitati.