Vai al contenuto

Siamo troppo vivi per morire e troppo morti per vivere

Scritto da:

Luca Conti

La preoccupazione per la buona vita va contrapposta alla lotta per la sopravvivenza. La società dominata dall’isteria della sopravvivenza è una società di non morti. Siamo troppo vivi per morire e troppo morti per vivere. Nella preoccupazione esclusivamente rivolta alla sopravvivenza noi siamo uguali al virus, questa creatura non morta che si limita a moltiplicarsi, quindi a sopravvivere, senza vivere.

La società senza dolore di Byung-Chul Han

Ci aspetta un altro mese in cui non sarà possibile uscire dal proprio comune, se non per motivi di lavoro/salute/necessità. I contatti sociali tornano a essere fortemente ridotti e restano chiusi tutti i luoghi di aggregazione e socializzazione. C’è un motivo più che valido per accettare tutto ciò: ospedali e terapie intensive oltre le soglie di allarme. Punto, non c’è nulla da discutere.

Reel on sailboat with sails sailing on water with horizon in the background
Credit: Jonathan Smith

Detto questo però, dobbiamo continuare a vivere. Vivere significa pensare al nostro futuro, pensare a diventare una versione migliore di noi stessi, continuare a essere curiosi della vita, a tenerci in forma, a mangiare sano, a coltivare passioni e relazioni. Dobbiamo mantenere la testa alta, continuare a navigare nell’oceano della vita.

Articolo precedente

Non abbiamo imparato niente su come prevenire le infezioni in ambito domestico

Unisciti alla discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.